Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / La Scillese si scusa: “Dovevamo salutare i nostri tifosi. Complimenti al Ravagnese”

La Scillese si scusa: “Dovevamo salutare i nostri tifosi. Complimenti al Ravagnese”

“L’A.C. Scillese, all’indomani dello spareggio giocato contro il Ravagnese Calcio, si sente di esprimere alcune considerazioni, a mente fredda, dando il giusto peso che meritano le parti in causa: prima fra tutte, la nostra tifoseria, la quale, dal primo all’ultimo ultras, e dal primo all’ultimo minuto, ci ha sostenuto, ed è stata al nostro fianco sino alla fine. Pertanto, considerato il grande attaccamento alla maglia e la passione viscerale di questi tifosi, i giocatori e lo staff tecnico dell’A.C. Scillese, intendono porgere pubblicamente le scuse ai sostenitori e a tutti gli sportivi scillesi presenti in gradinata. Il fatto di non essere andati a salutarli a fine partita, sotto il settore loro riservato, non vuole essere né giustificato, né un segnale di mancato apprezzamento. Tutt’altro: la nostra delusione l’ha fatta da padrone e ha preso il sopravvento su quella poca lucidità che ci era rimasta alla fine di una partita che non avremmo meritato di perdere. Il nostro scoramento e la nostra delusione è stata pari a quella vostra per non aver ricevuto degno tributo da parte della squadra e dello staff scillese. In ultima istanza, nondimeno importante, accettiamo il verdetto del campo, consci del fatto di aver quantomeno giocato alla pari degli avversari e per lunghi tratti, senza presunzione, anche meglio, colpiti da un infortunio a metà ripresa, nel momento migliore della Scillese, che stava sviluppando una mole di gioco incessante, creando difficoltà al Ravagnese. Il calcio, però, è anche questo e va accettato. Facciamo, ad ogni modo, i complimenti ai vincitori per il traguardo raggiunto, con quello spirito di sportività che ci ha sempre contraddistinto e ci ha accompagnato lungo l’arco della stagione, valore e motore portante di un meccanismo unanime (società-squadra-tifosi), di una mentalità condivisa e di un segno di fratellanza, visti anche i bei rapporti tra i nostri tesserati e quelli del Ravagnese, consolidatisi anche la scorsa settimana a Scilla. In conclusione, il nostro ringraziamento va alla tifoseria che credeva, ha creduto e ancora crede nella bellezza dei nostri sogni, certi di rivederla in finale playoff, sperando stavolta un esito diverso da quello immeritato di ieri. Il calcio è fatto di episodi, noi non molliamo mai, come i nostri splendidi tifosi. Un sentito grazie anche alla carta stampata e alle testate online che ci hanno seguito, dando lustro e restituendo importanza a una piazza storica che ha voglia di rinascere e tornare ai nobili fasti d’un tempo. E non sarebbe la…Prima volta”