Home / Sport Strillit / BASKET / Basket – Viola, a Barcellona non sarà una passeggiata. Tifosi al seguito

Basket – Viola, a Barcellona non sarà una passeggiata. Tifosi al seguito

di Vittorio Massa – Essere padroni del proprio destino può essere un’arma a doppio taglio. Da un lato la consapevolezza delle proprie sorti e di dover trovare all’interno le forze e le qualità per ottenere il risultato positivo, dall’altro l’assenza di alibi e la responsabilità dell’esito interamente sulle spalle. La Viola Reggio Calabria ha ben definito il proprio cammino. La vittoria contro Agrigento ha ricaricato un ambiente che in caso di sconfitta si sarebbe trovato con un piede e mezzo nei play out. Una vittoria che ha dato continuità e per la prima volta ha visto una vera prova di squadra. Se i ventiquattro punti di Creig Brackins hanno preso la scena, non si può non citare una prestazione difensiva di gruppo sopra la media. Aiuti, raddoppi, comunicazione, arrivati dai meno citati Lupusor e Mordente, finendo ai vari Dobbins, Adegboye e Rullo positivi sui due lati del campo. Una Viola “camaleontica” che ha avuto anche la prontezza mentale di adeguarsi tatticamente al quintetto atipico dei siciliani.

Da una siciliana all’altra. Da Agrigento a Barcellona, ultima e già retrocessa anzitempo. Tutto facile? Assolutamente no. I motivi per non sottovalutare la trasferta oltre lo Stretto sono vari.
Barcellona avrà voglia di non sfigurare di fronte ad proprio pubblico nell’ultimo impegno al PalAlberti che per l’occasione sarà a “porte aperte”. Encomiabile l’atteggiamento dei giallorossi che, seppur in serie negativa da tempo, hanno venduto cara la pelle su campi ostici come Scafati. Infine ci sono i giocatori. Il “basket mercato” non permette pause e tutti gli atleti del roster siciliano sono consapevole di non poter concludere con percentuali personali basse la stagione, se vogliono trovare prontamente un contratto per il prossimo campionato. Il basket, fortunatamente, non prevede trattamenti di favore.
Al PalAlberti sarà partita vera. Alla Viola l’obbligo di vincere per essere artefice del proprio destino sperando, ma solo a vittoria ottenuta, in una buona notizia da Rieti.