Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Al festival del gol vince il Lecce 4-3, al Cosenza restano soltanto gli applausi

Al festival del gol vince il Lecce 4-3, al Cosenza restano soltanto gli applausi

Il cuore non è bastato. Al festival del gol vince il Lecce. E’ la prima sconfitta stagionale al Marulla dopo 9 vittorie e 4 pareggi. Intanto ha vinto il calcio: una bella partita, e gli applausi dei tifosi dopo il triplice fischio ne sono la conferma. Roselli cambia modulo e a sorpresa esclude Corsi per Blondett esterno destro basso. A centrocampo Caccetta, Arrigoni e Fiordilino con Statella e Cavallaro sulle corsie esterne; Arrighini unica punta. Dall’altra parte Braglia risponde con un 4-3-3 dove Lepore rappresenta l’uomo in più: terzo di centrocampo ma bravo anche a fare il quarto tant’è che subito dopo il gol del Lecce si torna al 4-4-2 con Fiordilino esterno sinsitro e Cavallaro seconda punta. la partiats i sblocca subito: Surraco supera facile Blondett, cross e testa per il liberissimo Moscardelli il cui colpo di testa è un gioco da ragazzi. Attorno alla mezz’ora il pareggio rossoblu: sfruttata la specialiutà della casa, il contropiede; da un calcio d’angolo del Lecce è Arrigoni che innesca Statella il quale serve Ciancio che complic eun tocco di Salvi beffa Perucchini. nel secondo tempo errore di tedeschi che perde palla con Moscardelli, assist per Doumbia perfetto il suo crosso a centro area dove Surfaco tuto solo fa 2-1. Il pareggio del Cosenza è una grande gol al volo di Cavallaro bravo a sfruttare l’assist di La Mantia. La gioia rossoblu dura poco. Caturano da destra non vine chiuso da Di Nunzio, pallone a centro area con Tedeschi che infila il propriom portiere. A chiuder la gara ci pensa Moscardelli, tutto solo, a superare Perina in uscita. Nel recupero La Mantia, di testa, capitalizza l’assist di Ciancio dalla sinistra. Ma non c’è più tempo. Finisce tra gli applausi e la certezza che il Lecce si è dimostrato superiore a un Cosenza con le carte in regola per giocarsi un posto nei playoff fino alla fine.

COSENZA     3

LECCE           4

MARCATORI Moscardelli (L) al 5′, Ciancio (C) al 29′ p.t.; Surraco (L) al 17′, Cavallaro (C) al 29′, autorete Tedeschi (C) al 33′, Moscardelli (L) al 37′, La Mantia (C) al 46′ s.t.

COSENZA (4-5-1) Perina; Blondett, Tedeschi, Di Nunzio, Ciancio; Statella (dal 22′ s.t. La Mantia), Caccetta, Arrigoni, Fiordilino (dal 25′ s.t. Criaco), Cavallaro; Arrighini. In panchina: Saracco, Corsi, Pinna, Novello, Di Somma, Parigi, Ventre. Allenatore: Roselli.

LECCE (4-3-3) Perucchini; Alcibiade, Cosenza, Abruzzese, Legittimo; Lepore (dal 38′ s.t. Camisa), Papini, Salvi; Doumbia (dal 25′ s.t. Caturano), Moscardelli, Surraco (dal 18′ s.t. Liviero). In panchina: Bleve, Lo Sicco, De Feudis, Carrozza, Vecsei, Beduschi, Sowe. Allenatore: Braglia.

ARBITRO Guccini di Albano Laziale.

NOTE paganti 3.962, abbonati 422, incasso di 38.908 euro. Espulso Tedeschi dopo il fischio finale; ammoniti Abruzzese, Alcibiade, Cosenza. Angoli 3-4 (p.t. 2-2). Recupero: p.t. 0′; s.t. 3′.