Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza, Roselli senza Criaco: “Domani voglio una squadra cattiva”

Cosenza, Roselli senza Criaco: “Domani voglio una squadra cattiva”

Dalla sfida con la Paganese alla trasferta con la Lupa Castelli, passando attraverso una settimana di allenamenti e alcune iniziative che il Cosenza ha sposato con il solito grande entusiasmo. Il gruppo guidato da Giorgio Roselli si distingue per una grande sensibilità e per l’attenzione verso chi soffre o ha necessità di sostegno. A Bianco per dare il proprio contributo contro la violenza sulle donne e con l’associazione “Mattia Facciolla” i rossoblù hanno messo cuore e faccia: “Assolutamente una delle settimane più belle da quando sono a Cosenza – dice Giorgio Roselli al termine della rifinitura svolta presso il Centro Sportivo Leprignano di Capena – sono cose che vanno oltre il nostro sport. Noi ci riteniamo fortunati e siamo sempre pronti a trascorrere degli “attimi” del nostro tempo offrendo un contributo in manifestazioni così importanti e per chi si impegna ogni giorno in ambiti delicati come la prevenzione”.

Con Blondett aggregato da ieri Roselli avrebbe potuto contare sull’intero organico, ma nel finale della partitella disputata sul sintetico della Popilbianco Marco Criaco ha subito un infortunio all’alluce del piede destro che lo ha costretto a restare in città: “Sì Marco si è sottoposto ad esami diagnostici quiesta mattina e fortunatamente sono esclusi danni seri, ma accusava un forte dolore che gli impediva di appoggiare il piede. Peccato, è un giocatore importante per il nostro equilibrio tattico. Speriamo che recuperi presto. In generale la condizione è buona, non abbiamo avuto grosse indicazioni dai test disputati a Bianco su un terreno che non consentiva di giocare al massimo. I ragazzi hanno pensato soprattutto a non farsi male. Domani serviranno concentrazione e intensità per fare la migliore partita possibile. In gare come queste la difficoltà sulla carta può essere amplificata in campo. Noi dobbiamo metterci la giusta “cattiveria” dal primo all’ultimo minuto. Il Messina ha vinto a Rieti a due minuti dal termine, il Lecce ci ha lasciato due punti perchè non è riuscito a chiuderla”.