Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio Eccellenza, Gallico Catona che succede? E domenica contro la capolista

Calcio Eccellenza, Gallico Catona che succede? E domenica contro la capolista

Terzo “bliz “ esterno stagionale del Cutro che conquista tre punti pesantissimi per la lotta alla salvezza.

Quarta sconfitta consecutiva per un rabberciato Gallico Catona che ha sprecato all’88 anche un penalty battuto da Demetrio Libri con il cuoio che ha sorvolato la traversa.
Cutro che alla fine festeggia e crede sempre più nell’operazione permanenza, è stato anche fortunato, con Marco Cormaci che nella ripresa ha colpito un palo e il Galllico Catona soprattutto nel primo tempo ha sprecato diverse occasioni da rete con Manuel Monorchio e Andrea Penna.
Si gioca sul neutro di Palmi e a porte chiuse, un ambiente deprimente, senza il calore dei tifosi.
Il Cutro è ben allenato da Vanzetto, è conscio dell’importanza della posta in palio, soffre per tutta la prima frazione, va in svantaggio dopo pochi minuti dall’avvio subendo una rete dal fantasioso Marco Cormaci, ma riesce con la forza della volontà e di un ottima preparazione atletica a venir fuori soprattutto nei secondi 45 minuti. Al 9 il pareggio su rigore trasformato dall’ottimo Paonessa dopo un fallo dell’incerto Ciccio Nucera su Liperoti. Il sorpasso nella ripresa con Lorecchio con un fendente da 15 metri.
Un attaccante di peso come Alessandì in attacco e gente veloce come Liperoti, Aracri e Le Rose.
Lorecchio è stato decisivo con un radente tiro al 62, rete che vale i tre punti fondamentali per il prosieguo.
Il tecnico Salvatore Ripepi fa di necessità virtù, appiedati Leo Gatto, il portiere Fabrizio Pratticò, il difensore Peppe Marcianò. Una vera e propria emergenza.
Ci si affida ai giovani, in porta c’è Chisari Classe 1999, che ha fatto cose egregie, ha deviato al 73 un tiro di Lorecchio in angolo. E’ entrato anche Gioele Corsaro, Classe 2000, al posto di Monorchio.
Marco Cormaci si è dannato l’anima ed è uscito per infortunio, mentre Santo Pellegrino non è stato capace ad inserirsi nei meccanismi tattici del complesso. Ha deluso in difesa Ciccio Nucera.
Un Gallico Catona che avverte e tantissimo l’assenza di Leo Gatto, nella ripresa ha ceduto di schianto anche sul piano fisico. Ci sono le attenuanti delle defezioni ma… qualcosa si è inceppato, compagine senza verve, quasi rassegnata, supina. Perché? La società è preoccupata, ma è vigile, mancano quattro punti alla matematica salvezza, ma ci sono due gare interne contro il Trebisacce e soprattutto con la già retrocessa Taurianovese che lasciano margini di relativa tranquillità.
E proprio a Cutro iniziò l’avventura in panchina di Salvatore Ripepi, 21 punti in 16 incontri, sette vittorie, otto sconfitte e un pareggio.
Gallico Catona che domenica prossima affronta in trasferta la capolista Sersale, mentre il Cutro gioca in casa contro il Trebisacce.
TABELLINO: Gallico Catona – Cutro 1-2
Marcatori : al 2 Cormaci, al 9 Paonessa (rig.), al 62 Lorecchio
Gallico Catona : Chisari 6, Musarella 5, Assumma 5, De Maio 5, Nucera 5, Oliveri 5,5, Penna 5, Pellegrino 5,
Monorchio 5 (al 64 Corsaro s.v.), Cormaci 6 (al 79 Zumbo s.v.), Libri 5 All. Ripepi 5
Cutro : Sestito 6, Staffa 6, Tarsia 6,5, Mercurio 6, Paonessa 6,5, Maione 6, Liperoti 7, Le Rose 6, Alessandrì 6, Lorecchio 7, Aracri 7 (all’ 86 Tamaburo S,V.) All Vanzetto 7
Arbitro- Catanzaro di Catanzaro 6 (De Bartolo di Cosenza e D’ Agostino di Catanzaro)
Giuseppe Calabrò