Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Il Cosenza torna nel suo fortino: con la Paganese riparte la corsa alla Serie B

Il Cosenza torna nel suo fortino: con la Paganese riparte la corsa alla Serie B

di Valter Leone – Nove tappe, le ultime che portano al traguardo della Serie B. Un lungo volatone al quale partecipano 5 contendenti, racchiuso nello spazio di soli 3 punti. Dai 47 della capolista Benevento, i 46 di Casertana e Lecce e i 44 di Cosenza e Foggia. Intanto la squadra di Roselli torna al Marulla, dove ha raccolto buona parte del suo bottino: 30 punti, frutto di 9 vittorie e soli 3 pareggi. Nessuna sconfitta: un fortino inespugnabile, finora. Arriva la Paganese degli ex Grassadonia e Caccavallo, squadra che nel 2016 ha perso una sola volta, il 28 febbraio scorso ad Agrigento con l’Akragas di Pino Rigoli. Ha raccolto 16 punti nelle ultime 9 partite, frutto di 4 vittorie, 4 pareggi e appunta una sconfitta. E la scorsa settimana con il Monopoli meritava la vittoria dopo essere stata sotto di un gol. Insomma, una partita non semplice come ha ricordato lo stesso Roselli nella conferenza stampa di ieri, svelando anche un piccolo aneddoto. «La Paganese ha trovato continuità, tre giocatori offensivi bravi sulle ripartenze. A centrocampo hanno buoni giocatori. Stanno facendo bene. Per Gianni Di Marzio, che ho sentito giovedì, è una squadra fastidiosa. Avremo più possibilità di farla nostra se sapremo fare le nostre cose nel modo migliore. E non vuol dire essere offensivi o difensivi. Io non chiedo alla squadra di attaccare o difendere. Questa è un’assurdità. Le squadre non fanno quello che chiedi ma quello che sanno fare…”.

Per quanto riguarda la formazione, torna disponibile Fiordilino dopo la squalifica ma Caccetta rimane uno dei calciatori più importanti dell’organico del Cosenza, e averlo recuperato significa portarlo nelle condizioni migliori per questo rush finale di campionato. E la condizione si acquisisce soltanto giocando. Ancora Roselli. “Pensate a quello che ha detto l’allenatore del Matera di Iannini. La sua dote migliore è la parola… dice Padalino. Da noi questo tipo di giocatore è Caccetta e noi non l’abbiamo avuto per quasi un anno. I nostri ragazzi sono riusciti a fare bene senza la sua presenza, dunque sono stati fantastici. Adesso Cristian ha un’altra settimana di lavoro alle spalle e comincia a stare meglio”. Unico assente Blondett per un problema al polpaccio, per cui al centro della difesa si va verso la conferma della coppia Tedeschi-Di Nunzio. Novità potrebbero essere sugli esterni bassi con Corsi e Ciancio che tornano a prendersi le loro rispettive maglie con i numeri 2 e 3. Per il resto ci saranno Criaco a destra e Statella sull’out opposto; in avanti la coppia Arrighini-La Mantia.

Appuntamento alle ore 15 allo stadio Gigi Marulla, arbitra Emiliano Prontera della sezione di Bologna.