Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Il Cosenza sbanca Caserta: sorpasso e quarto posto. Ma che rissa contro Arrigoni

Il Cosenza sbanca Caserta: sorpasso e quarto posto. Ma che rissa contro Arrigoni

Cominciamo dalla fine. Perché è tutta lì la sfida che il Cosenza vince in casa della Casertana. Minuto numero 42′ del secondo tempo con Arrighini che protegge un pallone e appoggia all’indietro a limite dell’area per Arrigoni la cui sventola al volo di destro si infila nell’angolino dove Gragnaniello non può arrivare. Sale la protesta dei campani con il patron Lombardi che entra in campo, punta l’indice verso l’arbitro e invita i suoi calciatori a loasciare ilc ampo. Cosa che ovviamente non fanno. Riprende il gioco ma è subito rissa: tutti contro Arrigoni e poi Finizio viene espulso per proteste appena nel recupero. Triplice fischio e Murolo ne ha per tutti, specie per Arrigoni: ce l’hanno tutti con il centrocampisat del Cosenza. Vergognoso quanto accaduto al Pinto.

Una vittoria che regala al Cosenza il sorpasso sulla Casertana e il quarto postop in classifica a un solo punto dalla vetta, in attesa della sfida che vedrà il Benevento impegnato in casa del Monopoli. La partita? Non bella, con la squadra di Romaniello che prova a fare gioco e quella di Roselli pungente nelle ripartenze. Il primo tempo porat soltanto un palo di De Angelis e  un tiro di Mancosu di poco a lato. Stessa musica nella ripresa con il Cosenza che non sfrutta due micidiali contropiedi: prima Criaco (para Gragnaniello) poi Cavallaro (esterno della rete) sfiorano il vantaggio. Al 34′ una girata di La Mantia, su sponda di Di Nunzio, sfiora il palo. Poi il secondo cartellino giallo a Rainone per una entrata su Arrighini, e il finale che abbiamo già raccontato e con Vuto che al 3′ di recupero si divora il 2-0 a porta vuota dopo che Gragnaniello aveva repsinto un tiri di Statella. Vola il Cosenza ma il calcio ha perso. E di brutto.

MARCATORE Arrigoni al 42’ s.t.
CASERTANA (3-5-2) Gragnaniello; Idda, rainone, Murolo; Mangiacasale (dal 39’ s.t. Finizio), De Marco, Agyeu, Mancosu, Som (dal 16’ s.t. Pezzella); Giannone (dal 20’ s.t. Alfageme), De Angelis. In panchina: Signoriello, Bonifazi, Guglielmo, Cesarano, Matute, Varsi, De Filippo. Allenatore: Romaniello.
COSENZA (4-4-2) Perina; Corsi, Tedeschi, Blondett, Pinna; Criaco (dal 22’ s.t. Di Nunzio), Arrigoni, Fiordilino, Statella; La Mantia (dal 38’ s.t. Arrighini), Cavallaro (dal 20’ s.t.Vutov). In panchina: Saracco, Di Somma, Caccetta, Minardi, Parigi, Ventre. Allenatore: Roselli.
ARBITRO Pillitteri della sezione di Palermo.
NOTE spettatori 3000 circa. Espulsi Rainone al 38’ s.t. per doppia ammonizione e Finizio al 46’ s.t.; ammoniti Fiordilino, La Mantia, Vutov. Angoli 8-2 (p.t. 5-1). Recupero: p.t. 1’; s.t. 4’.