Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Prima Categoria: new entry nei quadri dirigenziali del San Giorgio

Calcio, Prima Categoria: new entry nei quadri dirigenziali del San Giorgio

E’ senz’altro questo uno di quei periodi decisivi per le sorti del San Giorgio, in campionato e in chiave futura dal punto di vista societario. Il cammino è di quelli tortuosi, ma a piccoli passi, il sodalizio di Bruno Caridi inizia a vedere il picco della montagna, lì dove vuole arrivare, per conquistare e custodire l’obiettivo Promozione. Passa senza dubbio anche da qui l’entrata in società di nuovi investitori nei prossimi mesi. D’altronde, il progetto neroverde è uno di quelli più floridi, senza presunzione, del panorama calcistico regionale. La società di Via Pio XI, oltre a disporre di un organico e di uno staff tecnico altamente qualificato, ha la vera marcia in più nel suo organigramma, nella sua struttura, non molto massiccia ma di assoluta qualità, in quanto, a partire dal professore Francesco Alati e dal direttore sportivo Antonino Laganà, ha in dote un gruppo di lavoro composto da veri professionisti specifici per settore, a testimonianza della bontà delle prospettive che società e squadra si sono posti, ed in tal senso fanno il loro percorso in completa simbiosi. A riguardo, il ruolo di Francesco Alati non sarà più solo quello di curare la parte atletica: infatti il pluridecorato fisiologo dello sport e preparatore specialista nazionale, ricoprirà anche il ruolo di dirigente, espletando funzioni di vero e proprio collante tra squadra e società, accanto al ds e al presidente. E’ quanto emerso dall’ultima riunione di ieri sera, postuma alle voci che stanno circondando gli ambienti neroverdi, dopo l’ultima uscita dell’ambizioso presidente Caridi ai microfoni di Radio Gamma, il quale ha dichiarato la possibilità di ricevere fondi da finanziatori esteri. Al di là di questo, particolare menzione merita il professore Francesco Alati, che con tanta passione, ricoprirà sia il ruolo di preparatore atletico, che quello di dirigente, avendo quindi il suo peso per quel che riguarda i progetti e gli investimenti futuri, sia sul capitale tecnico, umano ed economico. E’ opportuno ricordare come Alati sia uno dei migliori preparatori specialisti qualificati in circolazione, nonchè uno dei profondi conoscitori di calcio che la nostra terra possa vantare. Insignito più volte di diversi premi e riconoscimenti per il lavoro svolto in società professionistiche come Milan, Atalanta, Reggina, Cavese e Nola, solo per citarne alcune, “il prof” ha via via conosciuto piazze importanti, per poi “accontentarsi” di realtà meno blasonte da almeno dieci anni a questa parte, per motivi lavorativi e famigliari, due capisaldi che ben si conciliano con le società calabresi. Un privilegio per Villese, Gallicese, Val Gallico e adesso San Giorgio. La squadra del patrono reggino da ieri sera ha un’altra certezza: anche Francesco Alati sarà cuore pulsante e linfa vitale per una società con un grande sogno da realizzare.