Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Violenza nel calcio: aggrediti giocatori e dirigenti di una squadra juniores reggina

Violenza nel calcio: aggrediti giocatori e dirigenti di una squadra juniores reggina

Aggrediti e malmenati in campo nel corso di una gara valida per il campionato juniores a Gioia Tauro. E’ quanto denuncia la società di calcio del Cittanova, in una nota stampa “aggrediti e non solo dai pari età avversari, ma anche da alcuni dirigenti locali e dal pubblico sceso sul terreno di gioco per scrivere una vergognosa pagina di teppismo e prevaricazione”. Indignazione e profondo sgomento sono i sentimento espressi dalla Cittanovese che prende atto “delle scuse immediate e sincere formulate dalla società L.C. Nuova Gioiese, e le accettiamo senza riserve. Ma pensiamo  che la riflessione da fare sia più complessa e profonda”.

“Perché – afferma la società – a seguito dell’aggressione subita, l’allenatore e tre calciatori giallorossi sono stati trasferiti presso strutture ospedaliere del territorio per accertamenti medici, mentre gli altri sono rientrati a casa doloranti e in evidente stato di shock. Ci chiediamo tutto questo cosa significhi. Come società sportiva abbiamo dei doveri nei confronti dei nostri tesserati, soprattutto su quelli minorenni che le famiglie ci affidano con fiducia. A loro dobbiamo garantire servizi all’altezza, un ambiente sano e, va da sé, l’incolumità fisica. Gioia Tauro è città dalla grande tradizione sportiva, e dispiace dover subire aggressioni becere in un luogo che ha conosciuto i fasti del calcio interregionale. Solo lo scorso anno, quando la Nuova Gioiese militava in Serie D, la Cittanovese ha messo a disposizione del club viola l’impianto sportivo locale ed ogni supporto logistico, ospitando ed accogliendo staff e giocatori all’insegna della massima cordialità ed amicizia, nel solco del la nostra mission”.

I fatti, sui quali si cerca di fare luce, sono avvenuti martedì scorso. “Come società nata per amore del calcio – conclude la nota – proseguirà con ancora maggiore convinzione nel progetto sportivo e formativo che da anni richiede attenzione e tanti sacrifici. Lo sport deve essere solo divertimento, socializzazione, rispetto delle regole e sana competizione. Per questi valori i giallorossi si batteranno sempre”.