Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Il Cosenza in emergenza ad Agrigento ma l’obiettivo è allungare la serie positiva

Il Cosenza in emergenza ad Agrigento ma l’obiettivo è allungare la serie positiva

di Valter Leone – Dare continuità alla serie positiva. Questo è l’obiettivo del Cosenza, nonostante le difficoltà di organico. Per la sfida all’Esseneto di Agrigento (inizio ore 14.30, arbitro Giovani della sezione di Grosseto), le scelte sono più che obbligate per l’allenatore Roselli il quale sconterà la seconda e ultima giornata di squalifica, al suo posto in panchina siederà il vice De Angelis. Sono 17 i calciatori disponibili, inclusi i giovani Di Somma, Andrea Bilotta, Novello e Minardi, oltre al secondo portiere Saracco. Lunga, ovviamente, la lista degli indisponibili: Criaco e Pinna sono squalificati, Caccetta, Statella e La Mantia infortunati.

E poi c’è il forte dubbio legato a Ciancio: l’esterno genovese sente ancora dolore all’alluce del piede, causa un pestone rimediato a Martina Franca nel recupero di mercoledì scorso. Lo staff sanitario farà di tutto per metterlo a disposizione ma una decisione definitiva verrà presa soltanto pochi minuti prima del fischio d’inizio. Con Ciancio in campo la maglia numero 3 sarà sulle sue spalle mentre sull’out opposto ci sarà Corsi, a completare il pacchetto arretrato davanti al portiere Perina i due centrali Tedeschi (torna dopo il turno di squalifica) e Blondett. A centrocampo Guerriera e Cavallaro sugli esterni con il tandem Arrigoni-Fiordilino sulla mediana. In avanti ancora il giovane Vutov, alla terza partita consecutiva da titolare, al fianco di Arrighini.

E se Ciancio non dovesse recuperare? Bel grattacapo. Si potrebbe pensare a un Cosenza ultra offensivo con Guerriera esterno sinistro basso, Vutov e Cavallaro esterni alti con Raimondi in avanti al fianco di Arrighini. Ci sarebbe, poi, l’opzione Minardi: il giovane centrocampista dall’inizio al fianco di Fiordilino con Arrigoni spostato nel ruolo di difensore centrale e Blondett adattato a esterno sinistro basso. Vedremo. Poche ore e sapremo.

Nonostante l’emergenza, il Cosenza, reduce da 3 vittorie e un pareggio nelle ultime 4 partite, non si vuole fermare. La continuità di risultati garantisce di rimanere agganciati alla parte alta della classifica.