Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Eccellenza – Monorchio lancia il Gallico Catona, Sambiase piegato

Calcio, Eccellenza – Monorchio lancia il Gallico Catona, Sambiase piegato

Gallico Catona  1   –  Sambiase  0                                    Eccellenza 20 giornata 5 di ritorno

Marcatore : all’ 86 Monorchio

Gallico  Catona :  Pratticcò 7,5, Musarella 6,5, Assumma 6,5, Tripodi 7, Marcianò 6,5 ( al 53 De Maio

4),Nucera  7, Penna 7,5, Gatto 7, Pellegrino 7, Cormaci 6,5, Ferrato 6 ( al 55 Monorchio 6) All. Ripepi 7

Sambiase  :  Mercuri 6, Trinchi 6, Cefalà 6,5, Cristaudo 6 (all’ 81 Sacco), Bria 6, Schettino 6,5, Crucitti 7,

Cavatorti 6, Gallo 6, Perciamontani 6, Savasta 6  All. Morelli

Arbitro- Masseria di Milano 5,5 ( Lafandi e Rispoli di Locri)

Note- Espulsi  al 58 De Maio e all’86 Monorchio  per scorretezze

Gallico-

Si parte dalla fine. Incandescenti gli ultimi 10 minuti di gioco. All’ 86 la rete che “scatena”  un parapiglia

fra  l’autore del bellissimo gesto tecnico il neo entrato Manuel Monorchio ( quarto sigillo personale) e la

tifoseria ospite con bandiere  giallorosse. Una cinquantina di supporters  lametini. Monorchio dopo il gol

va ad esultare proprio sotto la gradinata dove erano assiepati i tifosi ospiti che reagiscono inviando in

campo bottiglie e quant’altro ! Monorchio viene espulso e la gara sospesa per pochi istanti.

Si riprende con assoluta tranquillità ed è tutto bene quel  che finisce bene.

Un “peccato di gioventù” che comunque va stigmatizzato, il ragazzo che è un “fuori quota”

intelligentemente ha capito e gli servirà per maturare in seguito.. Avrebbe meritato qualcosa in più in

pagella, la sufficienza è di stima e per farlo riflettere. Ha ampi margini di miglioramento e potrebbe

calpestare palcoscenici più importanti.

Ha diretto per la prima volta in Calabria il sig. Masseria di Milano.

Ritorna dunque a vincere in casa il Gallico Catona per la quinta volta e in 9 uomini. Gara bivio per la

formazione del “saggio”  tecnico Salvatore Ripepi che ha rischiato di soccombere per ben due volte nel

primo tempo, ma un super  Fabrizio Pratticò si è superato al 30 in un’azione di contro piede orchestrata da

Cefalà e Gallo, cross al centro per Savasta che da pochi passi si fa ribattere il tiro dall’estremo difensore

locale.

Al 45 sempre di rimessa il Sambiase con il super bomber Gallo che si fa anticipare in uscita sempre da un

reattivo  e decisivo Fabrizio Pratticò.

E’ il solito Gallico Catona che fraseggia tantissimo a metà campo con tre mezze punte come Ferrato  ( non

ha  ripetuto la bella prestazione di Brancaleone), un Pellegrino abile a creare spazi e un fantasioso Marco

Cormaci.

Il  “ trattore” Andrea Penna è stato un baluardo in difesa insieme a Nucera e sino a quando è stato in

campo   Peppe Marcianò.  Andrea Penna duttile e decisivo in alcuni interventi difensivi su attaccanti come

Gallo e Savasta. Di sostanza le prestazioni degli esterni Assumma e Musarella.

Salvatore Ripepi  è geniale . Fa uscire il difensore Peppe Marcianò ( già ammonito) e gli subentra il

centrocampista De Maio, che gioca soli 5 minuti e non trova di meglio che farsi giustamente espellere per

un brutto fallo su Cavatorti.

In 10 il Gallico Catona gioca addirittura meglio per intensità e palleggio al Sambiase, l’ago della bilancia è

Proprio Andrea Penna.  Leo Gatto fa il play basso, Luigi Tripodi ha personalità.

Sulla sinistra Marco Cormaci fa vedere i sorci verdi agli avversari.

E’ stato proprio Marco Cormaci a propiziare la rete decisiva di Manuel Monorchio. Ciormaci supera tre

avversari e da palla al giovane attaccante che con un velenoso rasoterra batte Mercuri. E’ una rete

liberatoria  per il ragazzo che era all’asciutto da diverso tempo.  Il “ battibecco” con i tifosi ospiti,

l’espulsione , i tanti minuti di recupero e una vittoria che fa rientrate il Gallico Catona per un posto utile

per i play off. Il Sambiase  perde per la seconda volta consecutiva in trasferta e domenica prossima affronta

in casa il Roggiano. Trasferta non insidiosa per il Gallico Catona che affronta il fanalino di coda Montalto.

 

Giuseppe Calabrò