Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza da urlo: Cavallaro e Arrighini sbancano Martina. Riprende la corsa playoff

Cosenza da urlo: Cavallaro e Arrighini sbancano Martina. Riprende la corsa playoff

Colpo grosso. Il Cosenza sbanca Martina e riprende la corsa verso la parte alta della classifica. In piena zona playoff. Decidono un calcio di rigore di Cavallaro (alla prima da titolare, preferito a Raimondi) e il quinto centro stagionale di Arrighini. Per la squadra di Roselli (ieri in tribuna, perché squalificato) quarto risultato utile consecutivo mentre l’undici di Incocciati è al quinto ko di fila.

Sin dalle prime battute si nota la superiorità del Cosenza nonostante il Martina butti nella mischia gli tuli arrivati, su tutti Rajcic il quale è il fulcro del gioco della squadra di Incocciati. Dall’altra parte si nota subito la facilità di corsa di Cavallaro il quale regala una progressione, assist per Arrighini il quale dalal destra fa partire un cross in area sul quale Vutov non arriva. All’11’ la punizione di Pinna e la doppia conclusione di Arrighini creano apprensione davanti a Viotti il quale si fa trovare pronto sulla punizione di Arrigoni (15’) che alza in angolo. Si fa vedere anche il Martina: Schetter innesca Ciotola, perfetto il cross per la testa di Diakite la cui conclusione sfiora il palo alla sinistra di Perina. Ma il Cosenza c’è: spettacolare Corsi sulla destra, pennella a centro area per Arrighini la cui girata al volo viene deviata in angolo da Viotti. Alla mezzora l’episodio che potrebbe cambiare volto al march: disastroso Pinna che si fa anticipare da Schetter poi lo mette giù al limite: rosso per il difensore sardo. Dal limite Baclet chiama Perina al miracolo: volo a deviazione in angolo del portiere, tra l’altro ex Martina. A quel punto Arrigoni scala a fare il centrale di difesa, in mezzo al campo stringe Criaco e Vutov fa l’esterno a destra: 4-4-1. Nonostante l’inferiorità numerica il Cosenza gioca con personalità, l’emblema è Fiordilino dal cui piede parte l’assist per Arrighini atterrato in area da Curcio (lo stesso che nella partita d’andata procurò il rigore decisivo con il fallo su Corsi): rosso e rigore (il 5° per i Lupi) trasformato da Cavallaro con freddezza.

La partita si mette in discesa a inizio ripresa grazie al micidiale diagonale di Arrighini in contropiede (assist di Fiordilino) il quale beffa Migliaccio. A quel punto il Cosenza difende il doppio vantaggio e lascia campo al Martina la cui unica giocata pericolosa è un sinistro di Ciotola che colpisce la parte esterna della rete. Per il resto tanti calci d’angolo: 4 in pochi minuti. Sui titoli di coda, al 42’, cross di Ciotola dalla destra e colpo di testa in tuffo di Baclet con il pallone che colpisce il palo e poi danza sulla linea. E in pieno recupero la punizione di Rajcic e il colpo di testa ancora del numero 9 pugliese con Perina che non si lascia sorprendere. Dopo sei minuti di recupero esulta il Cosenza. Grande successo.

MARTINA FRANCA         0

COSENZA                            2

MARCATORI Cavallaro su rigore al 43’ p.t.; Arrighini al 1’ s.t.

MARTINA FRANCA (4-4-2) Viotti; Antonazzo, D’Alterio, Migliaccio (dal 40’ s.t. Marchetti), Curcio; Schetter (dal 22’ s.t. Taurino), Dianda, Rajcic, Ciotola; Diakite, Baclet. In panchina: Gabrieli, Basso, Cristofari, De Lucia, Gaetani, Topo, Di Lauri, Kuseta. Allenatore: Incocciati.

COSENZA (4-4-2) Perina; Corsi, Blondett, Pinna, Ciancio; Criaco, Arrigoni, Fiordilino, Cavallaro (dal 25’ s.t. Guerriera); Arrighini (dal 45’ s.t. Di Somma), Vutov. In panchina: Saracco, Soprano, Novello, Minardi, Ventre, Raimondi, Andr. Bilotta. Allenatore: De Angelis (Roselli squalificato).

NOTE espulsi Pinna al 30’ p.t. e Curcio al 42’ p.t.; ammonito Criaco. Angoli 6-4 (p.t. 1-3). Recupero: p.t. 0’; s.t. 5’+1’.