Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza verso Martina: La Mantia ci sarà. Ma Roselli non cambierà la formazione

Cosenza verso Martina: La Mantia ci sarà. Ma Roselli non cambierà la formazione

Un’altra seduta di allenamento nel corso della quale l’allenatore Roselli ha tenuto sotto torchio il Cosenza in vista della trasferta di domenica a Martina Franca. Comincia il girone di ritorno e per i rossoblu si tratta della seconda trasferta consecutiva. Dopo una parte di lavoro atletico svolto in palestra, il gruppo si è trasferito sul terreno in sintentico del Centro sportivo Popilbianco, ormai diventato quartier generale dei Lupi dopo la “rottura” con il MarCa. A un certo punto i difensori hanno lavorato con il vice De Angelis mentre il resto della squadra ha provato soluzioni offensive sotto lo sguardo attento di Roselli. Dal centrocampo in su con esercitazioni finali al tiro. Sta molto bene La Mantia (nella foto tratta pagina Facebook del Cosenza calcio, assieme a Raimondi) il quale è completamente recuperato per cui sarà tra i convocati. Niente da fare, invece, per Caccetta il quale prosegue il percorso terapeutico seguito dal fisioterapista Pino Suriano.

Domani mattina è in programma la rifinitura al Marulla, prima della partenza per la Puglia. L’intenzione di Roselli è quella di confermare in blocco la stessa formazione che ha vinto la scorsa settima a Ischia. Che poi sarebbe anche quella che aveva chiuso il 2015 con il successo sulla Fidelis Andria. Per cui per la terza partita di fila si dovrebbe vedere lo stesso undici, com’era già successo nel girone d’andata tra l’ottava a la decima giornata contro Matera, Paganese (fuori casa) e Lupa Castelli Romani. Saranno diversi gli interpreti, ovviamente. Non molti a dire la verità. Per cui contro la squadra di Beppe Incocciati dovrebbero scendere in campo Perina porta; Corsi, Tedeschi, Blondett e Ciancio sulla linea dei difensori; a centrocampo, sempre da destra verso sinistra, spazio a Criaco, Arrigoni, Fiordilino e Statella; in avanti la coppua Arrighini-Raimondi con Cavallaro e La Mantia, oltre a un Vutov in grandi condizioni pronti, nell’eventualità, a subentrare a partita in corso.