Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza, per l’ultima di andata a Ischia si ricomincia dalla vecchia formazione

Cosenza, per l’ultima di andata a Ischia si ricomincia dalla vecchia formazione

di Valter Leone – “Vorrei chiudere il girone d’andata con 28 punti”. Roba di una ventina di giorni fa. Pensieri e parole di Giorgio Roselli alla vigilia della sfida con la Fidelis Andria, quella che ha chiuso il 2015. Al Marulla finì con un successo per il Cosenza e afine partita l’allenatore confessò: “In verità avevo previsto un punto con l’Andria e 3 a Ischia…”. È chiaro che un successo sull’isola napoletana rappresenterebbe la chiave di volta della stagione rossoblu, però rispetto a quei giorni del 2015 qualcosa è cambiato soprattutto tra i campani, i quali hanno recuperato diversi calciatori tra i quali Mancino e Filosa. Ecco perché Roselli proprio alla vigilia della partenza per Ischia ha tenuto a sottolineare quanto sia difficile e ostica questa partita.

Ma quale Cosenza si vedrà al Mazzella? Non dovrebbe cambiare nulla rispetto all’undici che ha battuto proprio la Fidelis Andria nell’ultima partita prima della sosta, anche se sulle corsie esterne nel corso degli ultimi giorni l’allenatore rossoblu ha insistito molto su Guerriera e Pinna anche se alla fine dovrebbe toccare a Corsi (nella foto tratta dalla pagina facebook Cosenza calcio) e Ciancio. Se proprio novità dovesse esserci, pare di capire che il candidato alla panchina potrebbe essere proprio il calciatore laziale che decise il match con l’Andria. Per cui Ciancio a destra e Pinna a sinistra eventualmente. Per il resto non sono previste novità: Perina in porta e coppia centrale formnata da Tedeschi e Blondett.

Anche a centrocampo, vista soprattutto l’assenza di Caccetta, si va verso il collaudato quartetto che prevede, da destra verso sinistra, Criaco, Arrigoni, Fiordilino e Statella. In avanti fuori causa La Mantia per infortunio, la novità potrebbe essere rappresentata dal volto nuovo Giovanni Cavallaro che è nell’elenco dei 18 convocati ma sicuramente non farà parte dell’undici titolare. Addirittura potrebbe anche non essere utilizzato. “Negli ultimi due giorni – ha detto Roselli – ha avuto un problemino. Deciderà lui poco prima della partita: se ci sarà il suo ok, è molto probabile che lo vedremo a gara in corso”. Per cui spazio ad Arrighini con Raimondi al suo fianco. Proprio sull’ex Padova l’allenatore si è soffermato nella conferenza stampa della vigilia (leggi qui). “Andrea sa benissimo che nella prima parte di campionato non si è espresso ai suoi livelli. Per tutta una serie di fattori: è arrivato tardi, non è stato molto fortunato anche se la fortuna bisogna meritarsela. Lui ha giocato buone partite, però è mancato in fase realizzativa e contro la Fidelis Andria ha avuto due grandi occasioni. Ma sono certo che nel girone di ritorno farà molto bene”.

COSENZA (4-4-2) Perina; Corsi, Tedeschi, Blondett, Ciancio; Criaco, Arrigoni, Fiordilino, Statella; Arrighini, Raimondi. In panchina: Saracco, Di Somma, Pinna, Guerriera, Minardi, Vutov, Cavallaro. Allenatore: Roselli.