Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza, il 2015 da sogno di Roselli: dal successo sulla Reggina, al 4° posto di oggi

Cosenza, il 2015 da sogno di Roselli: dal successo sulla Reggina, al 4° posto di oggi

di Valter Leone – Per raccontare l’attuale 4° posto del Cosenza bisogna fare un passo indietro. Lungo un anno, quasi tutto il 2015. Prendete appunti: l’anno comincia il 6 gennaio con il 2-0 sul Melfi all’ex San Vito. Gol di Arrigoni e Cori. Nelle successive 6 partite soltanto 3 punti, una media imbarazzante nel periodo più negativo della gestione Roselli il cui culmine si è registrato il 15 febbraio con la sconfitta di Catanzaro. E la settimana successiva successiva era in programma un altro derby, quello con la Reggina. Finì 2-0 grazie ai gol di De Angelis e Caccetta. Fu la svolta: dal quel momento in poi il Cosenza mise assieme una serie posititiva di ben 11 risultati utili consecutivi e una salvezza centrata con quattro giornate d’anticipo.

Non solo il campionato. Perché nel frattempo la Coppa Italia di Lega Pro era giunta ai quarti di finale: il 28 gennaio la squadra di Roselli sbanca il Menti di Castellammare di Stabia grazie al gol dell’ex De Angelis. In semifinale i rossoblu eliminano il Pontedera: all’andata (11 febbraio), decide un perla di Criaco mentre nel match di ritorno (25 febbraio) a Libertazzi replica Cori. Quindi la doppia finale con il Como: l’8 aprile al Sinigaglia un rotondo 4-1 grazie a Criaco, De Angelis, Statella e Calderini (per il lariani Le Noci) e l’apoteosi il 22 aprile nella gara di ritorno davanti a circa 8000 spettatori decisa da Ciancio che portò alla conquista del trofeo.

“Il Cosenza di oggi – ha ricordato Roselli nel dopo partita di domenica scorsa con la Fidelis Andria – è partito proprio da lì. La molla è scattata dopo la sconfitta di Catanzaro: il successo, netto, sulla Reggina diede la svolta. Neanche nel più bello dei sogni, il 2015 lo avrei immaginato così. Su quella salvezza e la conquista della Coppa Italia poi costruimmo il Cosenza di oggi”. Un Cosenza che chiude l’anno solare al quarto posto in classifica, in zona playoff grazie soprattutto a una marcia trionfale in casa: al Marulla sono stati conquistati 22 dei 27 punti in classifica, frutto di 7 vittorie e un pareggio (10 gol segnati e soltanto 2 subiti). Un 2015 da sogno. Per dirla alla Roselli.