Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / “Circolo Unione”, inaugurata la prima scuola di Tennistavolo a Reggio Calabria

“Circolo Unione”, inaugurata la prima scuola di Tennistavolo a Reggio Calabria

Inaugurata ieri a Reggio Calabria la prima scuola di Tennistavolo presente in città. Momento di svolta per questo sport, in costante ascesa come confermato dai risultati ottenuti a livello nazionale dalle varie società presenti sul territorio. Il ‘Nuovo Circolo Unione’ si propone come struttura specializzata ed esclusivamente dedicata alla pratica del Tennistavolo. Evidente la soddisfazione di Claudio Brandi, presidente del circolo ieri inaugurato: “Celebriamo con notevole orgoglio la nascita di questa struttura, assieme ad altri soci abbiamo deciso di tuffarci in questa avventura. Per tanti anni abbiamo desiderato un impianto tutto nostro, proviamo una grande emozione nel vedere questo sogno avverarsi”. Presso il ‘Circolo Unione’ sarà possibile praticare Tennistavolo tutti i giorni, dalle 9 alle 22. Casper e Galaxy le società che si appoggeranno alla nuova struttura. “Vogliamo coinvolgere in particolar modo i più piccoli ma questo sport si presta facilmente a tutte le fasce d’età. Nella nostra palestra si trovano maestri di alto livello, pronti a insegnare le fondamenta del Tennistavolo, sarà comunque possibile affittare un tavolo e giocare liberamente” dichiara Brandi.

 

pingpong (5)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Presente all’inaugurazione anche Pino Petralia, presidente regionale Fitet Calabria. Il ‘Circolo Unione’ può rappresentare un momento di svolta per il Tennistavolo oltre che fare da apripista per successive aperture di impianti simili. “I sacrifici di tutti coloro i quali si sono prodigati per ottenere una palestra dedicata a questo sport oggi vengono finalmente premiati. Qui si potrà fare Tennistavolo ad alti livelli, aiutando cosi in modo sensibile la crescita e la diffusione di questo sport”.

Tennistavolo e carenza di impianti sportivi ad esso dedicato, la questione si trascina da diversi anni. Petralia, evidenzia come non si sia mai trovata una soluzione al problema: “Lancio per l’ennesima volta questo tipo di messaggio, pieno di rammarico. Se si vuole davvero permettere ai più giovani di praticare sport, bisogna dar loro la possibilità di farlo. Trovo ingiusto che le società come unica soluzione debbano affittare le palestre e sostenere costi importanti, la situazione è davvero mortificante. Spero che le istituzioni preposte prendano posizione da questo punto di vista e sostengano il Tennistavolo, sport che merita maggiore attenzione”.

Pasquale Romano

 

pingpong (4)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

pingpong (1)