Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Due giovani nel mirino del Cosenza: il difensore Accardi e l’attaccante Fioretti

Due giovani nel mirino del Cosenza: il difensore Accardi e l’attaccante Fioretti

Si chiama Andrea Accardi, scuola Palermo il nome nuovo per la difesa del Cosenza. Lo scrive il quotidiano La Provincia di Cosenza, nell’edizione di oggi in edicola. Intanto va detto che in partenza c’è Marco Soprano, classe 96 che quasi certamente farà ritorno al Genoa assieme al fantasista Michael Ventre pure lui 19enne. Evidentemente lo staff rossoblu non li ritiene ancora pronti per la Lega Pro.

Così, per un centrale che va via ce n’è uno che arriva. Già la scorsa estate il direttore sportivo Mauro Meluso avrebbe voluto portare il calciatore in rossoblu, però non riuscì a battere la concorrenza del Trapani. Ma in serie B, finora, Accardi ha collezionato una sola presenza e il ragazzo vorrebbe cambiare aria. Visti i buoni rapporti con il Palermo (il Cosenza sta valorizzando il centrocampista Antonio Luca Fiordilino, classe 96). Nella passata stagione Accardi, nato a Palermo il 30 luglio 1995, con la formazione Primavera di Bosi ha raccolto 28 presenze portando anche la fascia di capitano al braccio. Fu convocato anche in prima squadra senza mai esordire. Le parti sono molto vicine e non è da escludere che il ragazzo possa mettersi a disposizione di Roselli con l’inizio del nuovo anno.

Stesso discorso per l’attaccante: al posto di Ventre dovrebbe arrivare un altro ragazzo. Sull’agenda di Meluso il nome contrassegnato con l’evidenziatore è quello di Simone Fioretti, pure lui classe 95, calabrese di Soveria Mannelli. Gioca con la Vigor Lamezia in serie D dove ha segnato 4 gol.

Dunque, due giovani nel mirino di Meluso dopo l’ingaggio dell’esperto attaccante Cavallaro. Si ferma qui il mercato del Cosenza? Al momento non è dato sapere ma con l’infortunio di Caccetta (potrebbe tornare in campo fra circa due mesi), c’è chi sussurra a bassa voce che il direttore sportivo qualche sondaggio lo sta facendo.

E non sono da escludere ulteriori novità in attacco, specie se Raimondi dovesse ricevere l’offerta giusta. L’ex Padova è legato al Cosenza da un biennale e l’allenatore Roselli lo vuole nel gruppo, però con l’arrivo di Cavallaro sembra evidente che potrebbe trovare meno spazio. E siccome Raimondi vorrebbe giocare… A quel punto si andrebbe a cercare un’altra punta ma con caratteristiche diverse.