Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza: c’è l’Andria nel fortino Marulla. Ballottaggio Raimondi-Vutov in avanti

Cosenza: c’è l’Andria nel fortino Marulla. Ballottaggio Raimondi-Vutov in avanti

di Valter Leone – Per far sì che il desiderio di Roselli diventi realtà, oggi pomeriggio (fischio d’inizio alle ore 17.30) il Cosenza è chiamato alla vittoria contro l’ostica Fidelis Andria. Qual è il desiderio del tecnico? “Chiudere il girone d’andata a 28 punti”, come ha detto nella conferenza stampa di ieri. E, conti alla mano, i 4 punti dovrebbero arrivare tra oggi e la trasferta di Ischia in calendario dopo la sosta di Natale, sabato 9 gennaio alle ore 14. A vedere il cammino dei rossoblu, evidentemente è più facile pensare al successo casalingo visto che il Marulla finora si è rivelato fortino inespugnabile con 6 vittorie e un solo pareggio che hanno fruttato 19 dei 24 punti in classifica. Numeri da leader incontrastata: 9 gol segnati e appena 2 subiti. Ma la squadra di D’Angelo è un osso duro: 2 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte in trasferta. La Fidelis è in serie positiva da 6 partite nel corso delle quali ha raccolto 10 punti, frutto di 2 vittorie e 4 pareggi; 5 gol degnati e uno subito con la porta inviolata nelle ultime tre. Insomma, una di quelle squadre difficili da affrontare.

La classifica, i punti di entrambe le squadre dicono che si tratta anche di uno scontro diretto in chiave playoff. E non è un caso che Rosellli abbia parlato di 4 punti nelle prossime 2 partite, proprio perché vuole rimanere agganciato al treno che porta alla coda del campionato per l’ultimo posto in palio per la promozione in serie B. Però il tecnico dei Lupi dovrà fare a meno del capitano Caccetta, il quale si è fermato nell’allenamento di venerdì per una lesione parziale del collaterale mediale del ginocchio sinistro (leggi qui). Al suo posto si riprende una maglia da titolare il giovane Fiordilino che andrà a completare il centrocampo con Arrigoni al suo fianco, Criaco e Statella sugli esterni. In difesa dovrebbe esserci il ritorno di Blondett centrale con Tedeschi mentre Corsi e Ciancio dovrebbero agire sulle corsie laterali. In avanti maglia numero 9 sulle spalle di Arrighini mentre per la 10 ballottaggio Raimondi-Vutov con il giovane bulgaro super favorito fino all’infortunio di Caccetta. L’allenatore Roselli in una partita così importante potrebbe decidere di non mandare in campo due classe ’96, Fiordilino e Vutov appunto.