Home / Sport Strillit / BASKET / Basket – La Viola Reggio Calabria sfida la Moncada Agrigento dell’ex Alessandro Piazza

Basket – La Viola Reggio Calabria sfida la Moncada Agrigento dell’ex Alessandro Piazza

di Giovanni Foti – Dopo la rinfrancante vittoria casalinga contro Biella, la Viola Reggio Calabria va in scena al PalaEmpedocle di Agrigento, per sfidare una delle squadre più in forma del giorone Ovest di A2. La Moncada, infatti, naviga nelle parti alte della classifica, a soli due punti dalla vetta, occupata in solitaria dalla Givova Scafati, battuta proprio dai siciliani nell’ultima uscita stagionale al PalaMangano. Coach Franco Ciani ha da poco ritrovato il suo playmaker Alessandro Piazza (ex di turno), dopo l’infortunio subito alla mano, che lo ha tenuto lontano dal campo per due interi mesi. A guidare la squadra, in contumacia all’ex Viola, è stato il pacchetto esterni, formato da Saccaggi, Martin ed Evangelisti. Anche il frontcourt è di un certo peso specifico, con l’altro americano Scott Eatherton , Chiarastella e De Laurentiis sotto canestro, in grado comunque di aprire il campo con tiri da oltre l’arco. Agrigento, infatti, è la migliore squadra per efficienza sul perimetro, tirando poco ma bene (41% di squadra da 3 punti con solo 213 tentativi).
Dall’altra parte, la Viola, non è di certo tra le migliori per quanto riguarda le conclusioni dalla lunga distanza, ma è in grado comunque di impensierire gli avversari con un gioco più interno (56% da 2 per i neroarancio). Nelle ultime uscite, infatti, è saltato all’occhio il miglioramento di Craig Brackins, che ha iniziato a produrre più punti grazie alle sue capacità realizzative sotto canestro.
Un’arma in più per i neroarancio potrà essere l’altro americano: Austin Freeman, recuperato appieno dopo l’infortunio subito. Rientra a pieno regime anche Valerio Spinelli, anch’esso reduce da un problema al ginocchio e partito dalla panchina contro Biella. I due esterni potrebbero essere nello starting five di coach Benedetto, assieme a Roberto Rullo, risultato finora tra i migliori. Dalla panchina potrà essere decisivo l’apporto dei giovani Lupusor e Costa (soprattutto in difesa) e l’esperienza del capitano Marco Mordente.
Una trasferta sicuramente complicata per la Viola di coach Benedetto, che riesce finalmente a lavorare col gruppo al completo, nella speranza di lasciarsi alle spalle il brutto periodo di avvio e tornare ad essere la squadra che si aspettava in pre-stagione.