Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Da domani Cavallaro si allena col Cosenza. È anche l’ultimo giorno di squalifica

Da domani Cavallaro si allena col Cosenza. È anche l’ultimo giorno di squalifica

Da domani pomeriggio (ore 14.45, al Ciccio Delmorgine) l’attaccante Cavallaro si allenerà con il Cosenza. Il calciatore di comune accordo con la società non rilascerà dichiarazioni. Intanto il primo rinforzo non ufficiale dei Lupi comincerà a prendere confidenza con il gruppo, in attesa che il club del presidente Guarascio comunichi i dettagli dell’operazione. Intanto sul sito ufficiale è stata pubblicata la nota nella quale “la società Cosenza Calcio comunica che da domani prenderà parte alle sedute di allenamento Giovanni Cavallaro, attaccante nato a Palermo il 5/11/1982, attualmente svincolato. Il calciatore, che nelle ultime due stagioni ha vestito la maglia del Foggia, attenderà la formalizzazione del trasferimento in rossoblu nel rispetto dei termini dettati dalle norme federali, allenandosi con il gruppo guidato dal tecnico Giorgio Roselli”.

Il calciatore il 10 luglio scorso aveva subito una squalifica di 5 mesi che finirà di scontare proprio domani. Il provvedimento, come si ricorderà, arrivò in merito alla sua implicazione nella vicenda dei soldi percepiti in nero nell’ambito dell’inchiesta che vide coinvolta la Nocerina, società in cui ha militato e di cui ne è stato anche capitano. Secondo l’accusa Giovanni Cavallaro aveva percepito, quale calciatore tesserato per l’Ags Nocerina Srl, nelle stagioni sportive 2009/2010, 2010/2011 e 2011/2012 compensi in nero per euro 177.605,00 di cui euro 42.140,00 dalla P.M.CO. S.R.L., euro 96.260,00 dalla TRADING COMPANY 2 S.R.L., euro 17.000,00 dalla EURO BIT S.R.L. ed euro 13.705,00 dalla PAVIMENTAZIONE S.A.S. DI SERPE LUCIA, tutte società direttamente riconducibili a Giovanni Citarella e Christian Citarella, nonché a Alfonso Faiella, che all’epoca dei fatti hanno ricoperto la carica di Amministratore unico e legale rappresentante della società Ags Nocerina srl. Al calciatore venne inflitta anche un’ammenda di euro 50.000,00.