Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Anche il Cosenza al balletto delle grandi ma adesso serve un blitz in trasferta

Anche il Cosenza al balletto delle grandi ma adesso serve un blitz in trasferta

di Valter Leone – La Casertana dimentica subito il ceffone di Foggia e riprende la marcia in testa alla classifica: batte el Monopoli e mantiene il +5 proprio sulla formazione di De Zerbi che torna dalla trasferta in casa dell’Akragas con un successo molto contestato dalla squadra di Legrottaglie, sempre più in crisi di risultati: 5 sconfitte, quattro di fila, e 2 pareggi nelle ultime 7 partite. Al secondo posto c’è anche il Lecce dopo il 2-0 sul Messina: i giallorossi salentini centrano la sesta vittoria nelle ultime 8 partite nel corso delle quali hanno perso una sola volta. Prosegue la fase calante dei peloritani che non vincono da un mese (2-0 a Melfi), soltanto 2 pareggi e 2 sconfitte nelle ultime 4 partite. Il colpo grosso della giornata lo mette a segno il Benevento che nonostante l’inferiorità numerica vince a Catania 3-1 e apre ufficialmente la crisi attorno alla panchina del calabrese Pancaro.

In mezzo alle corazzate del campionato c’è anche il Cosenza. Per certi aspetti anche un po’ a sorpresa ma grazie al percorso quasi netto (6 vittorie e un pareggio in 7 partite) al Gigi Marulla continua a stazionare nella zona playoff. Tant’è che per cercare di tenere il passo di squadre come Casertana, Foggia, Lecce e Benevento il club rossoblu sta già lavorando ai rinforzi in vista della prossima finestra invernale del calcio mercato. Infatti è stato già raggiunto l’accordo con Giovanni Cavallaro, ex attaccante esterno del Foggia. A proposito di attaccanti, sabato scorso Arrighini (l’esultanza nella foto tratta dal sito www.ilcosenza.it) ha firmato il successo sul Melfi grazie al suo terzo gol consecutivo davanti ai propri tifosi: era già successo con Lupa Castelli Romani e Monopoli.

Dei 24 punti fin qui conquistati, ben 19 la squadra di Roselli li ha centrati al Marulla. La media punti è di 1,71, il ché significherebbe chiudere il campionato attorno ai 60 punti mantenendo questo trend. Che potrebbe non bastare per disputare i playoff: l’asticella va alzata, perché la media punti potrebbe alzarsi tra l’1,80 e l’1,85. Ecco che occorre qualche colpo in trasferta dove il Cosenza, finora, non ha mai vinto: 5 pareggi e 2 sconfitte. Una vittoria che farebbe entrare di dritto il Cosenza nel gruppo delle grandi. E domenica prossima si va allo Zaccheria di Foggia…