Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Rende, con la Cavese la partita della svolta. Ancora escluso Carrieri

Rende, con la Cavese la partita della svolta. Ancora escluso Carrieri

di Valter Leone – Ci sono partite che possono valere una stagione. E quella del Rende lo è. Al Marco Lorenzon arriva la capolista Cavese e la squadra biancorossa giunge al bivio: vincere per rilanciarsi in classifica, oppure riporre nel cassetto qualsiasi velleità di tornare a lottare per obiettivi importanti. Una sfida che lo stesso Trocini ha definito fondamentale parlando proprio ai microfoni di strill (leggi qui). E l’allenatore arriva a questa sfida con l’infermeria quasi svuotata ma allo stesso tempo con un attacco senza una punta centrale di peso: non c’è Mosciaro dopo la risoluzione del contratto, non c’è nemmeno Actis Goretta che sconta l’ultimo dei due turni di squalifica rimediati nel turno infrasettimanale con il Roccella.

L’allenatore per tutta la settimana ha provato diverse soluzione anche se la scelta potrebbe cadere sul 4-2-3-1 con il ritorno di Benincasa dall’inizio il quale andrebbe a comporre con Fiore la linea mediana. Sulla trequarti potrebbe toccare a Papa, Crucitti e Zangaro con il giovane Azzinnaro punto di riferimento centrale. Per quanto riguarda il blocco difensivo davanti al portiere De Brasi si va verso l’esclusione di Carrieri per la seconda partita consecutiva. L’ex Cosenza non sta attraversando un buon periodo, per cui il tecnico biancorosso dovrebbe dare una maglia da titolare al sempre affidabile Marchio al fianco di Musca. A completare il pacchetto arretrato Ruffo e Bruno sugli esterni.

Non va però scartata l’ipotesi Gigliotti, il quale può ricoprire più ruoli: intanto uno dei trequartisti nel caso di 4-2-3-1 ma anche l’attaccante esterno se Trocini optasse per il 4-3-3.