Home / Sport Strillit / CALCIO A 5 / Calcio a 5 serie A2 – Catanzaro, ancora tutto un rebus

Calcio a 5 serie A2 – Catanzaro, ancora tutto un rebus

di Giuseppe Praticò – Un pareggio e cinque sconfitte. Tredici reti fatte e ventitrè subite. Questo il ruolino di marcia del Catanzaro Calcio a 5 al secondo campionato di A2. Al cospetto della sontuosa campagna acquisti è evidente che qualcosa non sta andando per il verso giusto.
E’ notizia odierna che la società ha deciso di sostituire praticamente tutto lo staff tecnico. Una scelta forte del patron Alfieri, ma una scelta (a nostro avviso, ndr) contraddittoria considerando che il vice-allenatore Nicola Ungaro, il preparatore atletico Antonio Riillo e il preparatore dei portieri Salvatore Corapi sono fedelissimi di Andrea Lombardo e causa decisamente minore del trend negativo dei giallorossi.
Alla luce di tutto ciò, il quadro presente ancora diversi punti oscuri. Siamo sicuri che questa sia la soluzione al problema? Facile parlare dietro una scrivania direte voi senza vivere la realtà catanzarese, ma i problemi a nostro avviso sono da ricercare altrove.

Da quanto ci risulta infatti lo stesso tecnico Lombardo in settimana ha chiesto un confronto con la società al fine di un reale scambio di opinioni per programmare al meglio la sfida con la Partenope considerando la squadra a disposizione del trainer stesso.

Una squadra ridotta ai minimi termini: Calabrese fuori già da due settimane, Egea che ha lasciato Catanzaro dopo esser stato messo fuori rosa, Tiago Jose Olivera volato in Svizzera causa migliore offerta, Raakvaag che ha lasciato Catanzaro prima della gara contro il Policoro per un infortunio rimediato durante la preparazione e Barbera il cui contratto è stato rescisso consensualmente dopo il ritorno di Fabrizio Rotella. Cinque uomini di movimento quindi a disposizione di Lombardo: Salomao, Victor Hugo, Calabrese, Iozzino e Osvaldo.

Una situazione insostenibile, una situazione che non permette a Lombardo di poter fare gli allenamenti, ma soprattutto di preparare al meglio la gara successiva e/o una “partitella” in famiglia se non con l’accorpamento dell’under 21 di mister Mardente, cosa avvenuta in settimana.

Affrontare un campionato di A2 in queste condizioni appare veramente difficile considerando che a causa delle scarse rotazioni, hanno già esordito i vari Pugliese, Muccari e Pestich senza considerare i fratelli Frustace che vantano poco più di dieci presenze nella scorsa stagione.

Ora però bisogna fare fronte comune e salvare la categoria. Il mercato di riparazione sarà una ghiotta occasione per Alfieri e soci per provare a fare il massimo affinchè quanto sia stato creato in questi anni, non venga disperso nel nulla.
Contattato telefonicamente, il tecnico Andrea Lombardo ha preferito non rilasciare dichiarazioni.
fonte: calabriafutsal.it