Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Un buon Cosenza si ferma a Lecce: 1-0, decide una prodezza di Surraco.

Un buon Cosenza si ferma a Lecce: 1-0, decide una prodezza di Surraco.

Dopo sette partite di ferma la serie positiva del Cosenza, al quale non è bastato un ottimo primo tempo per superare il Lecce. Decide una prodezza di Surraco a inizio secondo, alla quale poi la squadra di Roselli non è stata capace di reagire.

Camisa e Abruzzese titolari nella difesa di Braglia, a centrocampo c’è Vecsei mentre in avanti assieme a Moscardelli ci sono Doumbia a destra e Surraco a sinistra, il quale spesso si accentra. Non recupera Blondett, per cui nel Cosenza ecco Pinna centrale con Ciancio che torna titolare in campionato. Partita che si accende subito: annullato un gol a Moscardelli in netta posizione di fuorigioco. Ma al 6′ va registrato anche il salvataggio di Camisa sulla linea con Statella, innescato da Raimondi, che calcia a colpo sicuro. Lecce e Cosenza cercano il gol: ci va vicina la squadra salentina con il palo di Moscardelli, pronta la replica dei Lupi con Arrighini che calcia da posizione un po’ defilata ma Perucchini è super. Applausi a Pinna che al 30′ si oppone con la spalla alla conclusione del solito Moscardelli ben servito da Legittimo. Ma sui titoli di coda Arrighini pareggia i conti delle occasioni: un colpo di tacco, colpito male, sul quale il portiere allunga in angolo con un piede. Nella circostanza Arrighini sarebbe dovuto essere più freddo, quel colpo di tacco ha dato l’impressione di una eccessiva superficialità.

Quella di Surraco è una di quelle prodezze che si prendono gli applausi e spezzano gli equilibri. Minuto numero 5 della ripresa con il numero 10 che, palla incollata al piede, dalla sinistra si accentra e dal limite fa partire un destro che si insacca dove Perina non può arrivare. Due parate di Perina sullo stesso Surraco (11′) e sulla punizione di Moscardelli (16′) ribadiscono l’ottimo inizio di secondo tempo da parte del Lecce. Il Cosenza non riesce a reagire: su tutte il lancio di Arrigoni che sbatte sulla spalle di Arrighini lanciato a rete, prima della punizione del numero 9 giallorosso. Le sostituzioni di Roselli non cambiano il volto a una gara in cui la squadra rossoblu in un paio di occasioni sarebbe potuta ripartire ma non c’è riuscita. E spesso Arrighini è finito in fuorigioco.

LECCE 1

COSENZA 0

MARCATORE Surraco al 5′ s.t.

LECCE (3-4-3) Perucchini; Freddi, Camisa, Abruzzese; Lepore, Vecsei (dal 15′ s.t. Suciu), Papini, Legittimo; Doumbia (dal 43′ s.t. Carrozza), Moscardelli (dal 28′ s.t. Curiale), Surraco. In panchina: Bleve, Lo Bue, Liviero, Pessina, Diop, Cosenza, Gigli, Beduschi. Allenatore: Braglia.

COSENZA (4-4-2) Perina; Corsi, Tedeschi, Pinna, Ciancio (dal 23′ s.t. Blondett); Criaco (dal 32′ s.t. Vutov), Arrigoni, Fiordilino, Statella; Arrighini, Raimondi (dal 15′ s.t. La Mantia). In panchina: Saracco, Soprano, Di Somma, Guerriera, Minardi, Ventre. Allenatore: Roselli.

ARBITRO Paolini di Ascoli Piceno

NOTE spettatori 8.673, incasso di 38.504. Ammoniti Corsi, Abruzzese, Fiordilino, Blondett, Statella. Angoli 7-4 (p.t. 3-3). Recupero: p.t. 2’+1′; s.t. 4′.