Home / Sport Strillit / BASKET / Basket: Condello pesca il jolly. Tony Dobbins è della Viola

Basket: Condello pesca il jolly. Tony Dobbins è della Viola

di Gianni Tripodi – Non è un crack, ma un acquisto sottotraccia da parte del direttore generale Gaetano Condello. E’ ufficiale, Tony Dobbins vestirà la canotta nero arancio e molto probabilmente si aggregherà alla squadra in vista della delicatissima trasferta di domenica a Trapani nella quale, è ancora in dubbio, il rientro di Freeman. Il dg non spreca il visto per un extra comunitario e ingaggia un americano di nascita e italiano di passaporto (nonna di Napoli). Le regole dei tesseramenti suppletivi della Lega Pallacanestro sono ben chiare: ogni squadra ha a disposizione un solo “jolly”, mentre dal 18 gennaio al 29 febbraio si riaprirà il mercato con le regole abituali dei tesseramenti suppletivi (massimo 3 giocatori in entrata e 3 in uscita, tra coloro che sono andati a referto nella stagione). In attesa che arrivi il nuovo anno, quando potranno arrivare ulteriori cambiamenti, la Viola batte un colpo sperando che sia la mossa giusta per tentare la risalita in classifica dopo una avvio di campionato più che deludente. Una trattativa durata quasi due settimane, dopo un timido sondaggio da parte di Chieti, l’inserimento di Cantù alla ricerca di un sostituto per Marco Laganà (infortunato) aveva in qualche modo rallentato l’ingaggio, l’avvento del nuovo socio di maggioranza, il multimiliardario russo Dmitry Gerasimenko, non completamente convinto del giocatore, ha fatto sì che la trattativa con i brianzoli sfumasse definitivamente. Condello è stato abile ad intavolare la trattativa e fiutare l’affare (passaportato) senza abbandonarlo nonostante le difficoltà incontrate, alla fine Dobbins ha accettato con grande entusiasmo l’offerta dei nero arancio. La disfatta contro Latina sembrava non dovesse sortire cambiamenti, ma non è stato così. La società ha voluto attendere un’altra settimana e dopo la gara contro Siena ha deciso di correre ai ripari. LA SCHEDA – Anthony Andre “Tony” Dobbins è nato a Washington DC il 23 agosto 1981 (34 anni), play – guardia di 195 cm per 86 kg. Uscito dall’High School di Maret si iscrive al college, a Virginia Tech, una scelta che però non lo convince, sta fermo un anno e poi si trasferisce all’università di Richmond (2001/2004) dove nell’ultima stagione (2003/2004) viene premiato come miglior difensore dell’anno mettendo a referto 11.1 punti e 7.6 rimbalzi di media. Terminata la carriera universitaria non viene draftato per l’NBA e dal 2004 inizia a giocare nelle leghe americane inferiori, nella United States Basket League (USBL) con i St.Louis Sky Hawks, all’Asheville Altitude in D-League (Lega di sviluppo dell’NBA) per poi tornare nell’USBL con gli Oklahoma Storm. Nel 2005 intanto ottiene la cittadinanza italiana (nonna napoletana) e comincia a far gola a molti club italiani. Viene ingaggiato in A2 dalla neo promossa Trapani, dopo 8 incontri disputati con una media di 6 punti in 20 minuti di utilizzo e una situazione difficile in cui si trova la società siciliana, viene tagliato assieme ad altri giocatori. E’ Livorno dell’ex coach nero arancio Paolo Moretti a firmarlo per la stagione 2005/2006, in 18 incontri ha una media di 3.2 punti a partita e il 41% da due punti. Dopo una brevissima parentesi in Grecia con il Makedonikos è in Francia che esplode definitivamente. Gioca prima con lo Cholet, poi con gli Orléans Loiret con cui vincerà una Coppa di Francia nel 2010, viene ingaggiato dal Dijon con il quale registra 10.3 punti e 6.6 rimbalzi a partita. Nell’ultima stagione con lo Strasburgo esordisce in Eurolega ed alza al cielo la seconda coppa di Francia. E’ stato premiato per ben tre volte (2009, 2013 e 2014) come miglior difensore del campionato francese. Arriverà alla Viola per dare il suo contribuito, nessuno si aspetta che diventi uno dei terminali offensivi della squadra, non è nelle sue corde e non è stato ingaggiato per questo, è un giocatore d’esperienza, di sostanza, con spiccate doti difensive che, assieme al rientrante Freeman, si spera possa aiutare la squadra a rimettersi in carreggiata.