Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Sono 22 i convocati di Roselli: in Coppa un Cosenza con alcune novità

Sono 22 i convocati di Roselli: in Coppa un Cosenza con alcune novità

di Valter Leone – Si torna in campo. Domani pomeriggio alle ore 15 al Gigi Marulla si gioca la sfida Cosenza-Lecce valevole per il secondo turno della Coppa Italia di Lega Pro, trofeo di cui il club rossoblu è detentore. Parte dell’incasso verrà devoluto in beneficenza (leggi qui). Roselli per questa partita ha convocato 22 calciatori e nella lista non ci sono Caccetta, La Mantia e Raimondi mentre sono stati inseriti i nomi di Blondett e Pinna che comunque non dovrebbero essere utilizzati, visto che anche durante la rifinitura non si sono visti (lavoro differenziato anche per loro). Rispetto alle consuete convocazioni in campionato, sono presenti i giovani Grosso e Pellegrino, oltre a Bilotta.

Sono previste diverse novità (leggi qui Roselli). In porta, come già successo nella passata stagione, spazio a Saracco; in difesa prevista la novità di Soprano all’esordio assoluto con la maglia rossoblu. L’ex Genoa dovrebbe giocare al fianco di Tedeschi con Corsi e Ciancio esterni. A centrocampo, invece, potrebbe toccare al giovane Minardi (nella foto con Statella, tratta dalla pagina Facebook del Cosenza calcio) in ballottaggio con Fiordilino per una maglia da titolare vicino ad Arrigoni. Sugli esterni uno tra Criaco e Statella partirà dalla panchina mentre Guerriera partirà dal primo minuto. In avanti con Arrighini ci sarà un altro giovane, ovvero Ventre il quale ha giocato una manciata di minuti (23’) in campionato nella trasferta di Messina.

Da parte sua l’allenatore del Lecce, Piero Braglia porta a Cosenza soltanto 16 calciatori. Si tratta dei portieri Benassi e Bleve; i difensori Abruzzese, Beduschi, Camisa, Kalombo, Lo Bue, Liviero; i centrocampisti Carrozza, Monaco, Suciu, Tundo e Vecsei; gli attaccanti Cicerello, Diop e Surraco.

Fischio d’inizio alle ore 15, arbitra Matteo Proietti della sezione di Terni (assistenti Agostino Maiorano della sezione di Rossano e Fernando Cantafio della sezione di Lamezia Terme).