Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Roselli: “Tante le assenze ma il Cosenza farà di tutto per essere competitivo”

Roselli: “Tante le assenze ma il Cosenza farà di tutto per essere competitivo”

La prima delle due sfide consecutive con il Lecce è alle porte, Giorgio Roselli ha già espresso il suo pensiero sull’impegno di Coppa Italia e sulla volontà di rispettare la competizione che ha visto trionfare il Cosenza nella scorsa edizione. “Cerchiamo di fare tutto il possibile per essere competitivi anche se abbiamo molti giocatori fuori. Caccetta, Raimondi, Blondett e La Mantia, Pinna che non è al meglio, Vutov in nazionale. Rientra Ciancio e ci saranno Soprano, Ventre e Arrighini. L’idea è quella di far fare a Statella, Criaco, Fiordilino e Arrigoni solo un tempo ciascuno. Ma purtroppo si sa che quando pensi di fare dei cambi difficilmente poi ci riesci. Ci teniamo alla Coppa, non dico tanto o poco… il giusto. Noi siamo una società seria che vuole onorare l’impegno senza esporre a grossi rischi i ragazzi. Non facciamo turn over, chi non c’è è perché non può esserci”.

Come spesso accade sarà l’occasione per vedere all’opera alcuni elementi che finora non sono stati impiegati e magari individuare qualche soluzione alternativa interessante.

“Più che idee si possono valutare in una partita vera alcuni ragazzi. Capire se Soprano e Ventre ad esempio sono affidabili,  se sono cresciuti come è successo a Vutov e Fiordilino. Li stiamo aspettando  e dopo quattro mesi speriamo che questo miglioramento ci sia già”.

Organico diverso quello a disposizione del tecnico Braglia e qualche chance in più di far ruotare più elementi di esperienza, ma anche il Lecce in Coppa ha schierato qualche seconda linea.

“Credo che già con il Matera a Lecce abbiano fatto giocare elementi che in campionato sono stati meno utilizzati, ma hanno una rosa diversa con meno ragazzi e più titolari. Potrebbero sulla carta essere più competitivi ma le partite bisogna giocarle. Poi vedremo. Finora hanno utilizzato il 3-5-2 e il 4-4-2 alternandoli anche nella stessa gara. Penso che lo farà anche domani. A Catanzaro hanno avuto sfortuna. Avevo letto dei loro precedenti e in effetti per come è andata per loro è davvero un campo stregato. Ci incontreremo due volte? Capita di quando c’è la coppa di mezzo. E’ particolare, vuol dire che ci conosceremo meglio”.

Fonte: www.ilcosenza.it