Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Roselli fa il pieno di tensione: “Cosenza, attento alla Lupa”

Roselli fa il pieno di tensione: “Cosenza, attento alla Lupa”

di Valter Leone – Capita spesso che Giorgio Roselli (nella foto tratta dal sito www.ilcosenza.it) il titolo lo “regali” sempre a fine intervista. Si è ripetuto anche alla vigilia della sfida con la Lupa Castelli Romani. «Ho molta più tensione rispetto alle altre partite. Perché queste sono partite dove l’avversario è di quelli che non ha nulla da perdere. Quando giochi in casa a volte si possono considerare positivi due risultati su tre, stavolta no. Non vincere con la Lupa Castelli Romani, sarebbe una mezza sconfitta». Dunque, un Cosenza che cercherà la vittoria per allungare la serie positiva e per continuare a guardare la classifica con il giusto interesse. «Ma non sarà semplice. Bisogna affrontarli nel modo giusto, perché questa è una squadra che soprattutto fuori casa si fa rispettare. Penso alla sconfitta che hanno subito a Messina: immeritata. Loro sono sereni, non hanno grandi pressioni: per cui ci sarà bisogno di grande attenzione. Giovani interessanti che arrivano da Primavere come quelle della Roma o del Milan. Se saremo propositivi? Questo ve la saprò dire dopo la partita… È chiaro che non esiste un modo preciso, sento dire che si starà dietro la linea della palla. E cosa significa? Quando l’avversario attacca è chiaro che stai dietro. La verità è che non è semplice fare, per questo ogni partita diventa difficile».

Capitolo infortunati. «La Mantia non c’è mentre per Vutov decideremo soltanto prima della partita se potrà venire con noi in panchina. Ma non sarà semplice. Ciancio è arruolabile ma con un’autonomia limitata: se ce ne sarà bisogno lo manderemo in campo, altrimenti potrebbe già giocare mercoledì in Coppa con il Lecce».