Home / Sport Strillit / BASKET / Basket- Caso Mordente? La Viola smentisce senza mezze misure

Basket- Caso Mordente? La Viola smentisce senza mezze misure

Interviene a gamba tesa la Bermè Viola Reggio Calabria e declassa a speculazioni giornalistiche le voci che vorrebbero Marco Mordente desideroso di rescindere il contratto con i reggini ed accasarsi a Cantù.

I lombardi sono a caccia di un sostituto dell’infortunato Laganà e per molti è stato sufficiente fare “2+2” per costruire un caso attorno al capitano, secondo le voci infastidito dagli sfoghi del presidente Branca e del direttore generale Condello.

L’aggravante per l’ex nazionale italiano sarebbe che ci si troverebbe di fronte ad un capitano che abbandona la nave e non sono mancati i malumori già espressi dai tifosi.

Ma la società fa subito chiarezza attraverso un comunicato che fuga ogni dubbio:

La Viola Basket smentisce categoricamente la ridicola e falsa notizia pubblicata dalla testata on line basketnside secondo la quale il Capitano Marco Mordente avrebbe chiesto la rescissione del contratto.
“È tutto totalmente inventato” – specifica il gm Gaetano Condello – “e destituito di ogni fondamento. Siamo consapevoli” – prosegue Condello – “del momento di difficoltà che stiamo attraversando ma anche del fatto che le risorse per uscirne stanno all’interno del gruppo, il cui Capitano, Marco Mordente è impegnato, al pari di tutti gli altri e con la società al fianco, con la massima applicazione, coinvolgimento e professionalità, per uscire dal periodo negativo che stiamo attraversando.”
Ancora più esplicito il Presidente Giusva Branca: “Questi meschini tentativi di destabilizzazione ai quali, purtroppo, qualcuno abbocca” – rimarca il Presidente – “sortiscono solo ulteriore effetto di compattare blocco società/staff/squadra che conosce perfettamente responsabilità, dinamiche dello sport e legittime aspettative della tifoseria. Ma nessuno” – chiude il Presidente – “pensi di infilarsi meschinamente nelle nostre difficoltà per cavalcarle, tanto più provando a minare il gruppo attraverso l’immagine del suo Capitano. Non gli sarà consentito”.