Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Pallanuoto famminile A1 – Per la Città di Cosenza temibile trasferta a Bogliasco

Pallanuoto famminile A1 – Per la Città di Cosenza temibile trasferta a Bogliasco

La quarta di andata della serie A1 di pallanuoto femminile vedrà la Città di Cosenza impegnata per la seconda volta consecutiva in trasferta.

Sabato 31 Ottobre (ore 14,00) la squadra del presidente Giancarlo Manna affronterà la Rari Nantes Bogliasco, sicuramente una delle migliori formazioni del torneo, che può vantare maggiore tradizione ed esperienza, ma la Città di Cosenza cercherà non solo di fare la propria bella figura ma di tornare in Calabria con un risultato positivo. In tutta la settimana il tecnico Marco Capanna ha lavorato su come gestire al meglio le gare, come sfruttare al massimo la fase offensiva evitando di prendere pericolose controfughe, chiedendo anche maggiore attenzione per evitare di commettere ingenuità in fase difensiva, dove obiettivamente le reti subite sono state un po’ troppe. Contro la Rari Nantes Bogliasco, toccherà alle esperte nazionali Pomeri e Silvia Motta prendere in mano la squadra. Entrambe oltre che per la loro qualità del gioco espresso si sono messe in evidenza anche in fase di realizzazione e per Silvia Motta il bottino personale è salito a dieci reti, migliore realizzatrice della propria squadra. ”Sono arrivata – osserva Silvia Motta –per crescere insieme alle mie compagne, stiamo lavorando tanto ed il lavoro inizia a dare i suoi frutti anche se la strada da percorrere è ancora lunga e ci sta che in un percorso di crescita, una squadra giovane possa commettere delle ingenuità in fase difensiva, ma stiamo lavorando per migliorare in tal senso”. Contro la Rari Nantes Bogliasco, la Città di Cosenza, in partenza nella giornata di Venerdì, sarà pronta a giocarsi tutte le proprie carte per centrare un risultato positivo. “ Sarà una partita molto difficile – sottolinea Silvia Motta – perché giocheremo in una vasca ostica contro una squadra forte, esperta ed amalgamata, ma ogni partita ha una sua storia e noi siamo pronte a giocarcela fiduciose di continuare a crescere”.