Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Il Cosenza allunga la serie positiva Perina salva lo 0-0 con la Paganese

Il Cosenza allunga la serie positiva Perina salva lo 0-0 con la Paganese

Il Cosenza sfiora il colpo a Pagani ma alla fine deve ringraziare Perina il quale evita la beffa con una parata da urlo su Cunzi. La squadra di Roselli allunga la serie positiva: sono sei le partite senza sconfitte, con 4 pareggi tutti in trasferta (Catanzaro, Catania, Juve Stabia e Paganese) e 2 vittorie al Marulla (Casertana e Matera).

Roselli conferma in blocco lo stesso undici inziale della sfida con il Matera: La Mantia comincia dalla panchina e fiducia al tandem Arrighiuni-Raimondi. Dall’altra parte, invece, Grassadonia sorprende un po’: al centro della difesa dà fiducia a Schiavino nonostante Rosania rientrasse dalla squalifica; in mezzo al campo c’è Deli mezzala sinistra con Bernardino in panchina; in avanti spazio al tridente con Gurma punta centrale e Caccavallo-Cunzi esterni molto larghi.

Primo acuto di marca campana con Cunzi, il cui tiro a giro sfiora il palo alla sinistra di Perina; una giocata personale figlia di un errore in disimpegno di Fiordilino. Pronta la replica dei Lupi che con Blondett, di testa, sfiorano il gol in seguito a un calcio di punizione di Pinna. Il solito Statella cerca di far male in contropiede (servito da Perina dopo un calcio d’angolo battuto dalla Paganese) ma la conclusione di Raimondi è debole e allo stesso tempo un po’ frettolosa. Al 15’ Cosenza vicinissimo al gol: punizione di Arrigoni e in scivolata Raimondi colpisce male, alzando il pallone oltre la traversa. Un’altra occasione poteva essere sfruttata meglio: Arrighini calcia dal limite con Criaco tutto solo alla sua sinistra. Prova a pungere pure la Paganese: da Caccavallo per Cunzi ma sul suo tocco finisce in fuorigioco Deli. Preme la squadra di Roselli: Arrigoni dal limite e due grandi occasioni con Statella al 31’ che avrebbe potuto servire Corsi tutto solo alla sua destra invece di calciare alto dal limite, e soprattutto con Criaco (36’) il cui tiro a giro di sinistro, da dentro l’area, accarezza il palo dalla destra di Marruocco praticamente battuto.

Le ripartenze di Statella sono sempre ficcanti, come quella al 9’ della ripresa con la conclusione di Arrighini a lato di poco. Roselli lavora al doppio cambio: pronti Guerriera e Vutov ma poi ci ripensa e manda in campo La Mantia per Arrighini. Si gioca poco: fallo di Pinna su Caccavallo al limite, lo stesso ex su punizione regala un brivido con il pallone deviato alto sulla traversa. Tra i rossoblu entra Vutov al posto di Raimondi: stessi cambi di domenica scorsa. Brivido al Marcello Torre con La Mantia che per poco non beffa Marruocco in uscita. L’attaccante romano il gol lo segna alla mezzora su punizione di Pinna ma l’assistente segnala un fuorigioco. Poi al 32’ l’arbitro ammonisce Palomeque il quale reagisce con uno spintone a Pinna ma viene graziato. Sui titoli di coda si sveglia la Paganese: punizione di Carcione (fallo ingenuo di Vutov) e pallone all’incrocio. Siamo al 40’. Un minuto e Perina compie il miracolo: Caccavallo si beve Pinna e serve Cunzi tutto solo a due passi dallla line di porta ma il portiere rossoblu è strepitoso sul piatto sinistro dell’attaccante campano. La partita finisce qui.

PAGANESE      0

COSENZA         0

PAGANESE (4-3-3) Marruocco; Palomeque, Schiavino (dal 21’ s.t. Rosania), Magri, M. Esposito; Guerri, Carcione, Deli (dal 15’ s.t. Berardino); Caccavallo, Gurma (dal 40’ s.t. Martiniello), Cunzi. In panchina: R. Esposito, Dozi, Sorbo, Grillo, Bernardini, De Feo, Borsellini. Allenatore: Grassadonia.

COSENZA (4-4-2) Perina; Corsi, Tedeschi, Blondett, Pinna; Criaco, Arrigoni, Fiordilino, Statella 8dal 41’ s.t. Guerriera); Arrighini (dal 16’ s.t. La Mantia), Raimondi (dal 21’ s.t. Vutov). In panchina: Saracco, Soprano, Di Somma, Ciancio, Minardi, Ventre. Allenatore: Roselli.

ARBITRO Mancini di Fermo.

NOTE spettaori 2000 circa. Ammoniti Guerri, Schiavino, Pinna, Vutov, Palomeque. Angoli 4-6 (p.t. 3-3). Recupero: p.t. 2’; s.t. 5’.