Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / “Coni ragazzi” – A Villa San Giovanni sport per i bambini delle famiglie meno agiate

“Coni ragazzi” – A Villa San Giovanni sport per i bambini delle famiglie meno agiate

Attività sportiva pomeridiana rivolta ai ragazzi tra i 5 ed i 13 anni, appartenenti a famiglie meno agiate o a rischio sociale è questa la sintesi del progetto “CONI Ragazzi” promosso dal CONI in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri ed il Ministero della Salute.

Una iniziativa di livello nazionale, alla quale hanno aderito ed ottenuto l’accreditamento dal CONI Nazionale tre associazioni sportive dilettantistiche di Villa San Giovanni: Costa Viola Volley, Blu Team Nuoto, P.G.S. Universal ed a cui l’Amministrazione comunale della Città ha inteso offrire un affiancamento istituzionale finalizzato ad una maggiore partecipazione ed una migliore divulgazione e conoscenza del progetto in ambito locale.

L’iniziativa, sposata dall’Amministrazione comunale di Villa San Giovanni, è stata presentata presso l’Assessorato alle Politiche di Coesione Sociale, nel corso di una conferenza stampa moderata da Tullio Caracciolo, dell’Ufficio di Staff a Supporto degli Organi di Direzione Politica, nella quale hanno avuto parte attiva, oltre ai rappresentanti delle associazioni sportive aderenti al progetto, il Sindaco, Antonio Messina; l’Assessore alle Politiche di Coesione Sociale, Maria Grazia Richchi ed il Responsabile dell’Ufficio Servizi Sociali, Tonino Giordano.

Alla presentazione dell’iniziativa erano presenti inoltre, anche l’Assessore alla Sanità Rocco Cassone ed i Consiglieri Comunali Anna Bellantone e Marcello La Valle.

Una iniziativa quella dell’Amministrazione comunale promossa dall’Assessore alle Politiche di Coesione Sociale Maria Grazia Richichi in collaborazione con l’Assessore allo Sport Lorenzo Micari ( assente per motivi familiari ) che si propone – ha affermato Maria Grazia Richichi – come progetto sportivo sociale ed educativo, poiché è frutto della collaborazione tra Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero della Salute e CONI e mira a realizzare anche una campagna informativa sui sani e corretti stili di vita per tutta la famiglia.

Una possibilità unica, se si considera che l’attività sportiva pomeridiana sarà GRATUITA per 2 ore a settimana e sarà realizzata grazie alla sensibilità delle associazioni e società sportive dilettantistiche che operano sul territorio. Saranno, infatti le associazioni ad accogliere bambini e ragazzi dai 5 ai 13 anni e seguirli nell’attività fisica attraverso personale qualificato per un processo di crescita sana dal punto di vista logico, motorio e relazionale.

L’importanza dell’iniziativa – ha sottolineato Maria Grazia Richchi – va colta anche nell’informazione ed acquisizione di sani e corretti stili di vita per contrastare l’obesità infantile e le cattive abitudini alimentari, anche tramite la diffusione di valori educativi dello sport come lo spirito di gruppo, l’inclusione sociale e la valorizzazione delle differenze.

L’attività sportiva consiste 2 ore a settimana per la durata di 23 settimane (escluse le festività) come da calendario scolastico regionale con un programma di attività diversificato per fasce d’età: dai 5 agli 8 anni: attività motoria di base e dai 9 ai 13 anni, attività polivalente, pre-sportiva e attività sportiva. E’ inoltre prevista la copertura assicurativa per infortuni a tutti i partecipanti e la presenza di un Operatore di sostegno al fianco del Tecnico sportivo, in caso di situazioni di disabilità.

Il Sindaco Antonio Messina ha espresso apprezzamento sia per il progetto quanto per la sensibilità mostrata dalle associazioni sportive della Città, poiché “attraverso la loro adesione e la loro disponibilità hanno mostrato di voler contribuire fattivamente al miglioramento dell’offerta sportiva ed educativa ampliando le attività sportive anche alle famiglie di giovani che vivono una condizione di difficoltà economica o di disagio sociale, offrendo gratuitamente un occasione importante non solo di partecipazione ad attività sportive dilettantistiche ma soprattutto di inclusione sociale.