Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Matera fa soffrire il Cosenza ma La Mantia fa esplodere il Marulla (1-0)

Matera fa soffrire il Cosenza ma La Mantia fa esplodere il Marulla (1-0)

di Valter Leone – Soffre. Tanto. Matera più continuo, fiammate del Cosenza. Ma sui titoli di coda arriva l’ululato di La Mantia: ripartenza di Vutov e assist per l’attaccante romano al terzo centro stagionale. I due entrati dalla panchina regalano un successo pesante che arrampica i rossoblu in piena zona playoff, grazie anche al quinto risultato utile di fila.
L’ex Ciccio De Rose che deposita un mazzo di fiori sotto la curva Bergamini e il minuto di silenzio per ricordare il giovane tifoso Francesco De Luca, detto Chicco. Comincia così la sfida del Gigi Marulla dove Roselli e Padalino mandano in campo gli undici annunciati dalla vigilia. Classico 4-4-2 per il Cosenza che in fase offensiva si propone con quattro calciatori (Criaco, Arrighini, Raimondi e Statella); dall’altra parte il Matera difende con un 5-4-1 con Di Lorenzo e Tomi che si abbassano, così come Carretta e Letizia con Regolantim punta centrale.
Letizia dopo 30 secondi chiama Perina alla deviazione in angolo. Poi Statella (4′) non arriva sul pallone e l’ex De Rose sparacchia alto dal limite (14′). Meglio i Lucani ancora pericolosi con Letizia, nella circostanza determinate la scivolata di Pinna che devia in angolo (16′). Arrigoni alto dal limite. Conclusione velenosa di Carretta dal limite (20′) con il pallone che accarezza il palo alla destra di Perina. La giocata più bella la regalano Arrighini e Raimondi che mette l’ex Pisa solo davanti a Bifulco ma sulla linea salva Ingrosso (29′). La risposta del Matera affidata a Tomi: sventola dal limite, a Perina sfigge il pallone che va a colpire il palo interno. Siamo al 36′. Il primo tempo finisce qui.
La ripresa comincia con la squadra di Padalino ancora padrona del campo anche se la prima occasione è rossoblu: Arrigoni per Arrighini che di testa, in tuffo, sfiora il palo alla sinistra di Bifulco (5′). La risposta del Matera al 13′ con Regolanti che serve Letizia la cui conclusione viene alzata in angolo da Perina. I lucani ci provano ancora: Carretta dal limite e Blondett ci mette il piede per la deviazione in angolo, dalla bandierina il pallone giunge sui piedi di Piccinni sul quale si avventa in tuffo Perina e salva (16′). Non punge il Cosenza, solo Matera. Roselli cambia: dentro La Mantia al posto di Arrighini che non la prende affatto bene. Reagiscono i rossoblu: Criaco dalla destra a centro area, semirovesciata di Raimondi e Bifulco si allunga in area; dalla bandierina pallone per La Mantia che non ci arriva. Ma il Cosenza di quest’anno non si arrende mai: ripartenza micidiale sui titoli di coda da un calcio d’angolo battuto dal Matera, Vutov si invola palla al piede e serve La Mantia che buca Bifulco. Tripudio rossoblu e zona playoff agganciata.

COSENZA​1
MATERA​0
MARCATORE La Mantia al 42′ s.t.
COSENZA (4-4-2) Perina; Corsi, Tedeschi, Blondett, Pinna; Criaco, Arrigoni, Fiordilino, Statella; Arrighini (dal 22′ s.t. La Mantia), Raimondi (dal 32′ s.t. Vutov). In panchina: Saracco, Soprano, Di Somma, Guerriera, Minardi, Ventre. Allenatore: Roselli.
MATERA (3-4-3) Bifulco; Ingrosso, Zaffagnini, Piccinni; Di Lorenzo, Iannini, De Rose (dal 28′ s.t. Armellino), Tomi (dal 40′ s.t. Zanchi); Carretta, Regolanti (dal 35′ s.t. Kurtisi), Letizia. In panchina: Biscarini, Meola, Scognamillo, De Franco, D’Angelo, Pagliarini, D’Agostino. Allenatore: Padalino.
ARBITRO Rossi di Rovigo
NOTE paganti 1.755, abbonati 420, incasso di 19.413 euro. Ammoniti Corsi, Carretta. Angoli 3-7 (p.t. 1-3). Recupero: p.t. 0′; s.t. 4′.