Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Criaco illude un ottimo Cosenza. Contessa dà l’1-1 alla Juve Stabia

Criaco illude un ottimo Cosenza. Contessa dà l’1-1 alla Juve Stabia

di Valter Leone – Il momento positivo del Cosenza prosegue. Buon pareggio in casa della Juve Stabia dopo essere passato in vantaggio. Pochi rischi ma rimane il rammarico, un po’ come successo a Catanzaro, per non essere riusciti a portare a casa la vittoria. Che ci stava, almeno per quello che si è visto in campo. Peccato, perché poteva veramente rappresentare la svolta decisiva, verso quei traguardi inattesi di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi.

Nel Cosenza a vincere l’unicio ballottaggio è Criaco con  Guerriera che si accomoda in panchina. Assenti Caccetta e Ciancio, sostituiti da Fiordilino e Pinna. Dall’altra parte Zavettieri alla fine sceglie Liotti come terzo centrale difensivo preferito a Romeo mentre in avanti il titolare è Gatto con Vella in panchina. Lunga, in casa gialloblu, la lista degli indisponibili: lo qualificato Nicastro e gli infortunati Bombagi, De Risio, Maiorano, Ripa e Buondonno. Per il resto tutto confermato come ampiamente previsto alla vigilia: Roselli si affida al collaudato 4-4-2 mentre il tecnico calabrese che ha sostituito Ciullo sulla panchina della Juve Stabia lancia il 3-4-3.

Il Cosenza parte bene con Arrighini che nel giro di pochi minuti crea per due volte lo scompiglio nell’area stabiese: prima con un tiro alto, poi dopo una combinazione con Statella. La risposta campana affidata a Gomez il quale con una girata chiama Perina alla parata, dopo un cross dalla destra dell’ottimo Cancellotti. Ma i Lupi ci sono e Arrighini viene lanciato in contropiede ma un super Cancellotti recupera. Continui capovolgimenti di fronte con Obodo che serve l’ex Arcidiacono la cui girata viene stoppata da Tedeschi il quale va in chiusura anche su Contessa. La sventola di Fiordilino dalla distanza si perde nel settore occupato da una cinquantina di tifosi del Cosenza. Si fa male l’ex Arcidiacono: entra Vella che si posiziona a destra del tridente offensivo con Gatto spostato a sinistra: siamo al 21’. Pochi minuti e la squadra di Roselli va in gol: il solito sontuoso Statella, dopo un clamoroso errore di Favasuli, serve La Mantia il quale incespica sul pallone, il centrale Migliorini cerca di liberare ma il suo tiro sbilenco si rivela un assist per Criaco la cui conslusione di sinistro fa gonfiare la rete. Vantaggio rossoblu al 28’. Due minuti e Arrigoni pennella per La Mantia il quale sbaglia clamorosamente, la risposta stabiese affidata a Obodo la cui conclusione dal limite chiamara Perina alla parata in tuffo. Al 34’ Contessa firma il pareggio: tutto nasce da un cross del solito Cancellotti dalla destra, di testa Blondett anticipa Gomez ma il pallone finsice sui piedi del mancino stabiese sul quale Criaco non riesce a stringere la marcatura e con un destro, che non è il suo piede, batte l’incolpevole Perina.

Nel secondo tempo di grandi pericoli non ce ne sono, diciamo che le due squadre cercano di superarsi in momenti diversi. Nel prima parte il predominio è più per il Cosenza che preme, soprattutto con Statella il quale cerca anche la soluzione dal limite ma Modesti, da poco entrato al portiere titolare Russo uscito per una botta al gomito sinistro dopo uno scontro di gioco con La Mantia, para facilmente. Roselli cerca con un doppio cambio di mettere alle corde la Juve Stabia: fuori La Mantia e Criaco, dentro Raimondi e Guerriera. Ma è la squadra di Zavettieri a conquistare campo: prima una parata di Perina su Favasuli, dopo è Pinna (39’) ad anticipare Polak a due passi dalla conclusione in porta. L’ultimo appunto è di marca rossoblu: punizione di Pinna con tedeschi che intercetta il pallone ma Modesti smanaccia sotto l’incrocio. Un pareggio che alla fine accontenta entrambe.

JUVE STABIA 1

COSENZA 1

MARCATORI Criaco (C) al 28’, Contessa (JS) al 34’ p.t.;

JUVE STABIA (3-4-3) Russo (dal 10’ s.t. Modesti); Polak, Migliorini, Liotti; Cancellotti, Obodo, Favasuli, Contessa; Gatto, Gomez, Arcidiacono (dal 21’ p.t. Vella; dal 46’ s.t. Romeo). In panchina: Mileto, Carillo, Carotta, Caserta. Allenatore: Zavettieri.

COSENZA (4-4-2) Perina; Corsi, Tedeschi, Blondett, Pinna; Criaco (dal 26’ s.t. Guerriera), Arrigoni, Fiordilino, Statella; Arrighini, La Mantia (dal 26’ s.t. Raimondi). In panchina: Saracco, Soprano, Di Somma, Ciancio, Minardi, Ventre, Vutov. Allenatore: Roselli.

ARBITRO Fourneau di Roma

NOTE paganti 1.012, abbonati nessuno, incasso 8.105 euro. Ammoniti Favasuli, Cancellotti, Gatto, Corsi. Angoli 3-2 (p.t. 1-0). Recupero: p.t. 2’; s.t. 5’.