Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Promozione – Savino su rigore piega il Caulonia, prima vittoria per il Villa San Giuseppe

Calcio, Promozione – Savino su rigore piega il Caulonia, prima vittoria per il Villa San Giuseppe

Marcatore : al 22 Savino ( rig)

Villa San Giuseppe : La Ruffa 7, Foti 7, Siclari 7, Morello 7, Fortugno 7, Fornello A. 7,5, Albanese 6,5 ( al 62

De Luca 6), Mileto 7 (al 73 La Cava 6,5), Savino 7 (all 86 Napoli ), Fornello P. 7, Caracciolo 7. All. A. Barillà

Caulonia : Belcastrro 6, Cavallaro 6, Murdocco 5,5 ( al 64 Vozzo 6), Satta 6, Fuda 6, Saraco 6, Futia 5,5 (al 63

Papandrea 5), Calabrese 6, Scuderi 5,5, Iacopetta 6, Oppedisano (al 69 Valenzise s.v.).All. Scidà

Arbitro- Maltese di Soverato 6 ( Crimi e Rispoli di Lovri)

di Giuseppe Calabrò – 

Tira un lungo sospiro di sollievo il San Giuseppe che conquista fatidicamente il primo importantissimo

successo stagionale “ firmato” su rigore da Nello Savino al 22 dopo un atterramento del fluidificante

laterale Foti. Una gara “ crocevia” per il team del triumvirato formato fa Gattuso, Germanò e Siclari , i primi

tre punti sudatissimo contro una ringhiante formazione come il Caulonia che non si è risparmiata per nulla.

E’ stata la vittoria anche dell’abile stratega Totò Barillà, lo sgobbone, che non ha sbagliato nessuna mossa

Tattica, nel finale ha indovinato tutti i cambi, giocando con la difesa a cinque e chiudendo tutti gli spazi ad

Iacopetta e compagni.

“ Anima e core”, gladiatori Sandro Fornello e Fortugno, insieme ai centrocampisti di temperamento come

Enzo Morello e Pasquale Fornello:. Ha giocato bene dietro le punte Enzo Mileto, ha sopportato tutto il peso

offensivo Nello Savino, match winner del delicato incontro.

Ha qualità tecniche il giovane Caracciolo che è stato pericoloso in alcune incursioni soprattutto nel finale di

gara, timbro atletico e carattere negli “esterni Bassi” Foti e Siclari.

Quattro punti in cinque gare, il San Giuseppe “risorge” al momento giusto, con carattere e determinazione.

Il Caulonia esce ridimensionato da questo confronto, tanto possesso palla, ma poche conclusioni nello

Specchio della porta difesa dal prestante e sicuro Antonio La Ruffa, brillantissimo al 58 su una punizione

battuta da Fuda.