Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio – Palmese, Salerno: “Conoscete qualcuno a cui non piace stare in vetta?”

Calcio – Palmese, Salerno: “Conoscete qualcuno a cui non piace stare in vetta?”

di Sigfrido Parrello – Tocca mister Rosario Salerno analizzare l’ennesima vittoria, seppur sofferta, della Palmese ancora capolista, che, umilmente, conferma la ultracentenaria ancora in vetta alla classifica. “Sono partite in cui non possiamo permetterci mai di mollare la presa. Questo non l’abbiamo fatto perché i ragazzi sanno bene come dobbiamo affrontare incontri difficili come quello contro i Marsala. Unica pecca, dobbiamo stare attenti a non forzare la giocata perché potrebbe costare caro nell’economia della partita”. Mister la Palmese vincente rispecchia a pieno il credo del suo pensiero, uomo di calcio che non si accontenta mai. “Di fronte avevamo un avversario molto forte con giocatori offensivi ai quali non potevamo permettere di poter fare la giocata con facilità, altrimenti si rischiava di andare in difficoltà con il rischio di prendere gol. Dovevamo attaccarli alti e non dargli la possibilità di giocare con facilità -continua Salerno-. Loro sono partiti benissimo soprattutto all’inizio della gara ed è una circostanza che ci aspettavamo. D’altro canto -dice il tecnico della capolista- siamo stati bravi a concretizzare le occasioni create e ad andare in vantaggio con Marco Foderaro. Abbiamo avuto anche l’occasione di raddoppiare ma non siamo stati fortunati a concretizzare”. Mister pensa che a sua Palmese nonostante il primato in classifica può migliorare ancora? “Dai miei ragazzi mi aspetto sempre miglioramenti con la propensione a tenere il pallino del gioco”. Il campionato è ancora lungo ma mantenendo i piedi per terra, intanto si gode il primato mister: “Conoscete qualcuno a cui non piace stare in vetta? Sarebbe assurdo affermare il contrario. Dobbiamo stare il più in alto possibile per poter affrontare con maggiore tranquillità periodi negativi che potrebbero presentarsi nel corso di un lungocampionato come questa Serie D”.