Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Coppa Italia serie D – La Palmese continua a vincere, i tifosi protestano per lo stadio

Coppa Italia serie D – La Palmese continua a vincere, i tifosi protestano per lo stadio

di Sigfrido Parrello – PALMI -Imperterrita la matricola Palmese che continua a vincere confermando il suo momento magico. Anche in occasione del primo turno preliminare della Coppa Italia di Serie D, la ultracentenaria di Rosario Salerno espugna il “Ninetto Muscolo” di Roccella Jonica imponendo la legge del più forte su un difficile campo. 2 a 1 il risultato finale per la capolista del campionato del Presidente Pino Carbone che riesce così ad accedere al turno successivo in programma il prossimo mercoledi 28 Ottobre contro l’ASD Reggio Calabria sul proprio terreno, a Palmi, probabilmente (sicuramente noi aggiungiamo) al polivalente “San Giorgio” considerato che i lavori di restyling del leggendario “Lopresti” continuano ad essere fermi dallo scorso 4 Agosto 2015.

QUESTI I RISULTATI DELLE ALTRE SQUADRE CALABRESI: Vibonese-Vigor Lamezia 2-0 (Da Dalt, Saraniti); Roccella-Palmese 1-2 (Angotti (P) rigore, Saturno (P), Leveque(R).; Reggio Calabria-Due Torri 1-0 (Cucinotti).

Superano il primo turno che si giocherà mercoledi 28 Ottobre 2015: Noto, Palmese, Reggio Calabria e Vibonese. ARBITRO: Emanuele Franco di Locri 6 (collaboratori: Mario Minniti di Reggio Calabria 6 e Paolo Tavella di Reggio Calabria 6).

IMBARAZZO E VERGOGNA “LOPRESTI”:la musica è sempre la stessa nel senso che al momento che scriviamo (giovedi 1 ottobre 2015) lo stato dei lavori del “Lopresti” rimane fermo. Ciò dallo scorso 4 Agosto 2015 (quasi due mesi!) con l’impianto sportivo ridotto ad un cumulo di macerie (vedi foto scattata mercoledi 30 Settembre 2015).

Striscione di protesta esposto davanti al Lopresti

Striscione di protesta esposto davanti al Lopresti

“Intoppi” di tutti i tipi e “scarico di responsabilità” si susseguono all’insegna di una situazione imbarazzante, ridicola, vergognosa. Il futuro del “Lopresti” è sempre più oscuro.