Home / Sport Strillit / Reggio – Ancora protagonista lo sport: sabato giornata nazionale dello sport paralimpico
sport paralimpico

Reggio – Ancora protagonista lo sport: sabato giornata nazionale dello sport paralimpico

Reggio Calabria capitale italiana dello sport paralimpico. Si terranno sabato 3 ottobre sul Lungomare Falcomatà le celebrazioni per la IX Giornata Nazionale dello Sport Paralimpico, un’iniziativa organizzata dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e dala Fondazione Italiana Paralimpica, in collaborazione con l’Inail, con la Provincia ed il Comune di Reggio Calabria. Un evento unico nel suo genere, una delle più importanti iniziative nazionali di promozione dello sporto per le persone con disabilità fisiche. Le iniziative si svolgeranno in tre città d’Italia e quest’anno. Oltre a Salerno e Pisa, ci sarà anche Reggio Calabria.

Sul Lungomare Falcomatà sarà allestita una vera e propria palestra all’aperto, con il coinvolgimento di ben 15 federazioni paralimpiche su un totale di 9 campi, sui quali si svolgeranno gare ed esibizioni sportive alle quali potranno assistere, ed in qualche caso anche partecipare, tutti i cittadini.

Saranno presenti gli atleti paralimpici che hanno dato più prestigio allo sport calabrese negli ultimi anni: Raffaelle Battaglia per il sitting volley, Salvatore Parisi della Federazione Italiana Sport Paralimpici ipovedenti e ciechi, Emanuele Nicolò, atleta dell’Ad Polosiportiva team 14 e campione italiano fispes, Pasquale De Masi per il Tiro con l’arco, Giusy Albano per la scherma, Roberta Cogliandro e Ilaria D’Anna, nazionali di basket in carrozzina, Anna Barbaro per il nuoto paralimpico, gli atleti della Nemo Cosenza per la staffetta 4×50 stile libero e Massimo Dighe per la vela. Sul lungomare praticamente una pioggia di medaglie paralimpiche.

“Vogliamo trasmettere i valori dell’inclusione e dell’integrazione per abbattere ogni tipo di barriera fisica e soprattutto mentale – ha affermatoTito Messineo, presidente del CIP regionale – La manifestazione è stata fortemente voluta dal presidente nazionale del Comitato Luca Pancalli e si è potuta allestire nella nostra città grazie anche al sostegno delle amministrazioni locali guidate dal sindaco Giuseppe Falcomatà e dal presidente della Provincia Giuseppe Raffa”.
L’obiettivo sarà quello di creare un momento di condivisione in cui gli atleti disabili, potranno praticare le attività sportive insieme agli altri ragazzi. “In un’ottica d’inclusione – spiega Valentina Colella, componente del coordinamento tecnico – ogni disciplina verrà integrata e adattata per permettere lo svolgimento della stessa a tutti nel medesimo momento”.
Insieme a lei questa mattina a presentare l’iniziativa anche il Direttore dell’Ufficio Scolastico Provinciale Mirella Nappa, il vicepresidente dell’amministrazione provinciale Giovanni Verduci ed in rappresentanza del Comune gli assessori Marino e Zimbalatti insieme al Sindaco Giuseppe Falcomatà.

”Grinta e passione sono due dei pilastri più importanti per lo sport – ha spiegato il Sindaco Falcomatà concludendo la presentazione – così come sono tra le caratteristiche fondamentali della nostra amministrazione. Lo sport nella nostra città ha bisogno della giusta attenzione per rispondere agli stimolo e alle sollecitazioni che provengono da tutte le società presenti. E certamente quello della manutenzione degli impianti è un tema che dobbiamo affrontare con decisione. Così come la questione relativa alla scuola dello sport, alla piscina comunale. Ci sono delle aree della nostra città, dove è più alta la concentrazione di impianti sportivi, che potrebbero diventare vere e proprie cittadelle dello sport, penso ad esempio alla zona di Pentimele. La giornata nazionale dello sport paralimpico è certamente un grande orgoglio per la nostra città. E’ la naturale prosecuzione di un dialogo che però non può fermarsi alla gestione dell’impiantistica sportiva. E’ necessario promuovere questo tipo di iniziative, ed in generale la possibilità di praticare sport nella nostra città, che è un grande strumento di inclusione sociale, di comunicazione e di scambio. Lo sport ha il potere di abbattere tutte le barriere”. (StePer)