Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio serie D – Trocini: “Dimenticare la Vibonese, Rende già pronto per la Frattese”

Calcio serie D – Trocini: “Dimenticare la Vibonese, Rende già pronto per la Frattese”

di Valter Leone – Rimane l’amarezza per avere cominciato il nuovo campionato con una sconfitta ma allo stesso tempo c’è la consapevolezza che bisogna rialzarsi e guardare al futuro. E in casa Rende il prossimo obiettivo si chiama Frattese, squadra tosta che rispetto alla passata stagione ha cambiato poco. E che è tutta da scoprire, visto che ha saltato la prima giornata causa rinvio con la Vigor Lamezia. “Intanto va sottolineato che con la Vibonese non abbiamo giocato una grande partita. Loro sono stati bravi, ordinati e soprattutto hanno giocato con la giusta cattiveria agonistica. Ma ormai è andata, dispiace soltanto non avere avuto a disposizione Zangaro uno dei più in forma in questo periodo ma non vuole essere assolutamente una scusa”.
Dunque, obiettivo Frattese. Intanto non ci sarà Mosciaro il quale sconterà la giornata di squalifica dopo l’espulsione per doppia ammonizione nel derby (“Decisamente esagerato il secondo cartellino giallo, se quella è l’interpretazione in ogni partita per gli attaccanti proteggere il pallone diventa un fallo”, ha detto il direttore generale Giovanni Ciardullo”), però torna Vito Zangaro. “La Frattese – sottolinea Trocini – è una squadra con un attacco che potenzialmente garantisce 40 gol grazie a gente come Cilento, Longo e Marotta. E poi hanno il centrocampista Costanzo che di gol nella scorsa stagione ne ha segnati 12. Insomma, una squadra forte che in difesa si è rinforzata con due ottimi giovani. Sarà difficile, ma il Rende sarà pronto al riscatto dopo il ko con la Vibonese”.
Certo il ritorno di Zangaro, da capire chi prenderà il posto di Mosciaro. Toccherà all’argtentino Actis Goretta oppure ci sarà spazio per un “falso centravanti”?. Trocini non ha ancora deciso. “Intanto Tavo sta crescendo anche se continua ad avere un po’ di problemi con la lingua. Deve crescere dal punto di vista tattico, perché abituato a un altro tipo di calcio. Fino a domenica di tempo ce n’è prima di prendere una decisione. Avremo modo in questi giorni di lavorare su più soluzioni”.