Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Calcio – Mal digerito il rinvio col Catania, il Cosenza lavora in prospettiva Akragas

Calcio – Mal digerito il rinvio col Catania, il Cosenza lavora in prospettiva Akragas

di Valter Leone – Il rinvio della sfida con il Catania, deciso dalla Lega Pro, non è stata per nulla digerito dal Cosenza. Anche se la rabbia è ormai sbollita. Dopo il direttore sportivo Meluso (“Non è giusto, mancana di rispetto nei confronti di quelle società che fanno le cose per bene. Si mortificano club e tifosi. In segno di protesta verso questa ingiusta decisione me ne sto in silenzio stampa per quindici giorni”), sull’argomento è tornato il difensore Blondett, il quale ha ribadito che “è sfavorevole per noi, questo stop non ci stava. Incontrare il Catania ora o fra un mese è molto diverso, anche perché stanno facendo una squadra importante. Noi eravamo partiti bene e fermarci così non ci fa piacere. Abbiamo tempo per preparare la partita con l’Akragas nel migliore dei modi. L’unica cosa positiva di questa sosta forzata è che possiamo recuperare Corsi”.
Già, Corsi. Sub lussazione alla spalla sinistra (nella foto di Francesco Milito l’esterno assieme a Ciancio) per il prezioso jolly di Roselli. Procurata dal fallo di Curcio in occasione del rigore procurato nella partita con il Martina. Ne avrà per una decina di giorni. Giusto il tempo per rimettersi in sesto e tornare tra i disponibili per la sfida con i siciliani di Legrottaglie. E torna disponibile anche Pinna, il quale ha scontato la giornata di squalifica. A vedere il lato positivo del rinvio della sfida di Catania, c’è anche il fatto che questa settimana potrà essere utilizzata per portare a una condizione migliore anche Arrighini e Statella, entrambi reduci da infortunio: il primo è rimasto fermo per un bel po’ causa un’infiammazione al tendine del gionocchio della gamba destra; l’esterno invece è stato alle prese con uno stiramento all’adduttore. E per completare l’aspetto positivo, aggiungiamo che pure Raimondi (l’ex Padova non ha svolto la preparazione nel ritiro di Lorica) potrà mettere altro minuti di lavoro nelle gambe in modo da avicinarsi al top della condizione.