Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Trocini ricomincia dalla Vibonese: “Un Rende con voglia di stupire”

Trocini ricomincia dalla Vibonese: “Un Rende con voglia di stupire”

di Valter Leone – “Finalmente si comincia. Siamo pronti per questa nuova avventura”. Bruno Trocini è carico, alla vigilia del debutto in campionato. E si ricomincia dalla Vibonese, un derby particolarmente sentito soprattutto in casa rossoblu. E la squadra del presidente Caffo è nel destino dell’allenatore biancorosso: il 9 febbraio 2014 la formazione all’epoca allenata da Fofò Ammirata sbanca il Lorenzon e la società di via Fratelli Bandiera decide di esonerare Franco Giugno e affidare la guida tecnica della squadra a Trocini, all’epoca allenatore della Juniores. Da quel momento cominciò una splendida cavalcata che portò a una miracolosa salvezza proprio ai danni della Vibonese. Da lì Beccaria e soci tirarono fuori non pochi veleni e polemiche.
Ma oggi è un altro giorno. “Sarà una partita difficile. Di Maria – sottolinea Trocini – è un allenatore molto preparato ed è sempre complicato affrontare le sue squadre. E poi c’è sempre l’incognita della prima giornata. In ogni caso la Vibonese si porta dietro l’entusiasmo della neoporomossa, una squadra che ha confermato i migliori della passata stagione e ingaggiato calciatori come Saraniti che in questa categoria sono capaci di fare la differenza”.
Attorno al Rende si è creata tanta attesa e un entusiasmo coinvolgente. Ancora Trocini. “C’è grande aspettativa, com’èm giusto che sia visto il secondo posto della passata stagione. Una squadra collaudata alla quale sono stati inseriti due valori aggiunti come Mosciaro e Crucitti. Inutile nascondersi. È chiaro che cominciare bene è molto importante anche se le squadre da battere secondo me sono Siracusa, Cavese e Reggina. Alle quali aggiungerei anche Marsala e la stessa Vibonese. In goni caso – aggiunge l’allenatore del Rende – prevedo un campionato molto equilibrato. L’ho già detto in passato e lo ripeto oggi con maggiore convinzione: tutte le squadre si sono attrezzate bene, non vedo il Savoia di due anni fa oppure la coppia Akragasa-Torrecuso della passata stagione. Ci sarà molto più equilibrio”.
L’ammissione della Gelbison in sovrannumero nel Girone I ha portato a uno stravolgimento del calendario, decisamente più abbordabile per il Rende rispetto a quello prcedente. “Rispetto a prima è più tranquillo, visto che nelle prime sei partite avevamo beccato una partita peggiore dell’altra. Però – precisa Trocini – come dissi allora, lo ripeto oggi: prima di avere una definizione più vicina alla realtà, bisognerà aspettare un po’. Magari squadre come Gragnano e Scordia (i catanesi hanno appena tesserato Giorgio Corona, ndc) che oggi non conosciamo di riveleranno più forti di altre blasonate”.
Tranne Zangaro squalificato, Trocini per il derby con la Vibonese avrà tutti disponibili. Due soli i dubbi: uno in difesa, l’altro in avanti. E in entrambi i casi si tratta degli under: Bruno o La Gioia a completare il pacchetto difensivo? E in avanti Azzinnaro o Feraco a completare il tridente con Gigliotti e Mosciaro? Dubbi che l’allenatore scioglierà soltanto pochi minuti prima del fischio d’inizio.