Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Erano in tremila a Cosenza per l’ultimo saluto a Marulla
Cosenza Calcio - Funerali Marulla

Erano in tremila a Cosenza per l’ultimo saluto a Marulla

di Valter Leone – La chiesa gremita. Piena come un nuovo. E in tanti nella piazza davanti alla chiesa di Loreto, nonostante il gran caldo. In tremila hanno voluto salutare per l’ultima volta Gigi Marulla. Il bomber. “Uno che in questa città ha il segno. Non soltanto come calciatore. Lui era tanto umile quanto bravo sul campo” ha detto il sacerdote durante l’omelia. “Il tuo, zio, era e continua essere un cuore speciale” ha detto dall’altare una delle nipoti dellex capitano dei Lupi scomparso domenica scorsa dopo un infarto all’ospedale di Cetraro, a seguito di un malore avuto nella sua residenza estiva della vicina Cavinia. Aveva 52 anni Gigi.
In chiesa i gonfaloni del Comune di Cosenza, città adottiva di Marulla, e quello di Stilo centro del reggino che gli ha dato i natali. Vicino all’altare campeggiava anche quello della Provincia di Cosenza.
Tanti suoi ex compagni di squadra lo hanno voluto omaggiare. Da Zunico a Luciano De Paola (commovente il forte e lungo abbraccio dell’ex centrocampista rossoblu con Antonella, moglie di Gigi), e poi Ciccio Marino, Napolitano, Albertino Urban, Bruno, Apa, Di Sole. C’erano anche Stefano Morrone e Graziano Nocera. E poi i suoi ex presidenti: Antonio Serra e Paolo Fabiano Pagliuso, poco più tardi raggiunto dal figlio Luca. Presente anche Damiano Paletta, il presidente delle due storiche promozioni consecutive dalla serie D all’ex Prima divisione. Tanti ex dirigenti come Franco Salerno, Salvatore Perugini (anche ex sindaco di Cosenza) e Mario Guido. C’era anche l’attuale numero uno del club rossoblu, Eugenio Guarascio con il ds Meluso, l’allenatore Roselli, lo staff al completo e tutto l’organico che si appresta a disputare il prossimo campionato di Lega Pro.
A Gigi hanno voluto bene tutti: davanti al suo feretro hanno sfilato lo storico massaggiatore del Cosenza, il tifosissimo Antonio Lanzaro; e i magazzinieri da Roberto Loria a Franco Venuto e Guglielmo Salamone. Il pianto a dirotto, proseguito all’esterno della chiesa, di Enrico Costabile, per tutti l’ultimo grande medico sociale del Cosenza. Tanti gli ex calciatori del Cosenza che magari alcuni di loro a Marulla forse non lo avevano nemmeno visto giocare. Una lunga lista: Da Occhiuzzi e Perrelli; Ciccio De Rose, Scarlato, Marco e Simone Scarnato. Si è visto Alessandro Pellicori. E Manolo Mosciaro, l’ultimo cosentino capitano del Cosenza. A rappresentare il Crotone, invece c’era Gino Porchia che con Marulla aveva giocato a Castrovillari.
Sulla bara le maglie del Cosenza, della Ternana, dell’Avellino e della Stilese. La sciarpa dei tifosi del Castrovillari, dove Gigi ha chiuso la carriera da calciatore.
Da applausi la grande festa che i tifosi hanno riservato a Gigi. Cori, fumogeni, bandiere e striscioni. “Son contento solo se vedo segnare Marulla, dai Marulla segna ancora e la curva si innamora…”. Da brividi. Il saluto di padre Fedele Bisceglia sulle scalinate della chiesa e poi il lunghissimo applauso che ha accompagnato il feretro di Marulla verso il suo ultimo viaggio.

Cosenza Calcio - Funerali Marulla Cosenza Calcio - Funerali Marulla Cosenza Calcio - Funerali Marulla Cosenza Calcio - Funerali Marulla