Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / “Premio Silvana Luppino”, prestigioso riconoscimento per il pilota coriglianese Alessandro Chiarelli

“Premio Silvana Luppino”, prestigioso riconoscimento per il pilota coriglianese Alessandro Chiarelli

Ennesimo riconoscimento tributato ad Alessandro Chiarelli, pilota di Corigliano Calabro divenuto – per la sua toccante storia personale e la ferrea forza di volontà grazie alla quale ha finora ottenuto numerose vittorie sul campo – figura di riferimento dello Sport inteso come valore nonché mezzo di crescita e socializzazione. Nei giorni scorsi, presso il Parco Archeologico di Sibari, nel comune di Cassano All’Ionio, si è infatti svolta la cerimonia della prima edizione del “Premio Silvana Luppino”, evento artistico-culturale dedicato ad Arte, Cinema, Fotografia, Letteratura, Medicina, Musica, Sport, ideato ed organizzato dall’Associazione “SoDaLe Cassano”.

Per la categoria Sport, il Premio è stato conferito ad Alessandro Chiarelli, classe 1981, ritenuto icona positiva del binomio sport e solidarietà ed esempio per le nuove generazioni. La sua, è ormai comune opinione, è una storia dalla quale trarre prezioso insegnamento: affrontare le difficoltà della vita e fare della disabilità una risorsa per prefiggersi lungimiranti obiettivi, anziché considerare la stessa un insormontabile ostacolo. E grazie a questo profondo convincimento interiore che Alessandro ha vinto la sfida con se stesso, col proprio corpo, divenendo un campione nella disciplina del kartismo italiano, supportato dalla presenza costante della famiglia e degli amici.

Il “Premio Silvana Luppino” è dedicato alla memoria dell’indimenticabile figura della direttrice del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, prematuramente scomparsa, per “il lavoro di comunicazione sociale e responsabile promozione culturale che ha sempre caratterizzato gli anni di impegno professionale e umano”, come hanno spiegato gli organizzatori della manifestazione. Importante anche il luogo nel quale la cerimonia è avvenuta, il sito archeologico della Sibaritide, “posto al centro di un evento che, attraverso la premiazione  di eccellenze artistico-culturali del territorio, vuole valorizzare l’eccellenza stessa di un luogo che rappresenta al contempo la grandezza delle nostre radici storiche e la innegabile valenza di un continuo lavoro di conoscenza della propria identità, che prepara lo slancio verso l’inarrestabile progresso socio-culturale a cui è chiamata a partecipare la nostra Terra, sospinta dalla consapevolezza della sua Storia”.

Autorevole il parterre dei premiati per le altre categorie, tra i quali il prof. Dante Maffia, candidato al Premio Nobel per la Letteratura, e il dott. Vincenzo Luberto, Procuratore Antimafia di Catanzaro.