Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Futsal – Cosenza, ufficiale l’ingaggio del brasiliano Sanna Morais

Futsal – Cosenza, ufficiale l’ingaggio del brasiliano Sanna Morais

L’A.s.d. Cosenza Futsal annuncia di aver raggiunto l’accordo, sulla base di un contratto annuale, con il calcettista brasiliano Rafael Sanna Morais de Assis. Si tratta di un pivot, che all’occorrenza può giostrare da ala, molto prolifico sotto porta nato a Belo Horizonte l’1 aprile 1987. Rafael Sanna ha iniziato la sua carriera da giovane giocando in patria tra le fila del Minas prima di trasferirsi in Italia all’Acqua e Sapone, dove nel 2009-2010, pur perdendo la finale della Coppa Italia di Serie A2, riuscì a conquistare la promozione in Serie A. Dopo aver militato nel massimo torneo nazionale scende di categoria e sposa le cause della Brillante Romae del Fuente Lucera. Qui riesce a vincere la Coppa Italia di Serie A2. L’anno scorso è tornato in A difendendo i colori biancocelesti della Lazio, club che ha favorito il trasferimento grazie all’intervento diretto del patron Antonio Ruggeri. Queste le parole di Sanna dopo aver raggiunto l’accordo con il presidente Luca Donato. “Sono entusiasta di iniziare una nuova avventura: le motivazioni del tecnico Cipolla sono state determinanti nella mia scelta. Sono in Italia da tanto tempo ormai, ma questa sarà una delle sfide più entusiasmanti in assoluto. Sono pronto a mettermi a disposizione della squadra cercando di adattare le mie caratteristiche a quelle del collettivo. Stare nei pressi del portiere avversario mi viene naturale e spero di garantire un buon numero di gol. Il passaggio da Roma a Cosenza non mi preoccupa, anzi è stimolante perché oltre ai risultati sportivi dovremo essere bravi a catalizzare su di noi l’attenzione della Calabria. L’obiettivo è suscitare interesse e curiosità in modo da riempire il palazzetto. L’organico mi sembra attrezzato per raggiungere i traguardi prefissati dalla dirigenza e la presenza in rosa di un
elemento come Marcelinho, brasiliano come me, è una garanzia. Ora dobbiamo pensare soltanto a formare un bel gruppo e a lavorare sodo come ci chiederà di fare il nostro allenatore”.