Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Calciomercato – Cosenza: oggi Corsi e Perina. Difficoltà su Montella e Arrighini

Calciomercato – Cosenza: oggi Corsi e Perina. Difficoltà su Montella e Arrighini

di Valter Leone – A una settimana esatta dal raduno il Cosenza comincia a prendere forma. Sono tre al momento i volti nuovi: Guerriera, Pinna e La Mantia. L’allenatore Roselli si aspetta dal direttore sportivo Meluso le altre operazioni che garantiranno il completamento della squadra, anche se non mancano le difficoltà. Soprattutto in attacco.
Ma procediamo per ordine: ieri Meluso ha parlato al tefenono con Corsi e sono stati superati alcuni problemi, oggi è il giorno giusto per la firma del rinnovo che va ad aggiungersi a quelli di Ciancio, Saracco, Criaco e Caccetta oltre ovviamente a Blondett, Arrigoni e Statella che il contratto pluriennale lo avevano già firmato nella passata stagione.
Sempre oggi è previsto l’annuncio del portiere Perina, pure lui prelevato dal Melfi. C’è da giorni l’accordo sulla base di un biennale, per un giovane portiere in cosatnte crescita negli ultimi anni.
E siamo all’attaco. È chiaro che con l’ingaggio di La Mantia non si risolvono tutti i problemi. L’obiettivo numero uno è sempre Arrighini ma c’è da superare l’ostacolo legato all’ingaggio. L’attaccante ha un contratto con l’Avellino di circa 150 mila euro netti all’anno è chiaro che Guarascio queste cifre non è assolutamente intenzionato a spenderle per un solo calciatore. E allora tocca a Meluso trovare l’accordo con il club irpino al quale la società rossoblu chiede di accollarsi pià di metà dello stipendio. Si andrà avanti nei prossimi giorni in attesa di trovare l’intesa giusta. E poi Montella: con l’ex Vigor Lamezia l’accordo era stato trovato da oltre dieci giorni ma sulla firma si è perso troppo tempo e nel frattempo il Pisa è piombato sull’attaccante.
Meluso, infine, si dovrà occupare della difesa. Su Tedeschi pare non ci sia più la certezza di qualche giorno fa: l’offerta del Cosenza è di quelle da top player ma il centrale non decide. Evidentemente ci sono altre situazioni da valutare, la Cremonese su tutte.