Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio – Serie D – Rende a Taranto con Fiore Ballottaggio tra Azzinnaro e Grisolia

Calcio – Serie D – Rende a Taranto con Fiore Ballottaggio tra Azzinnaro e Grisolia

di Valter Leone – Ci sono partite che ogni calciatore vorrebbe giocare, non solo per l’obiettivo. Partite che hanno un fascino tutto particolare, perché si giocano davanti a una cornice di pubblico che con la serie D, la quarta serie italiana, hanno poco a che vedere. Si annunciano almeno 15mila presenze allo Jacovone per Taranto-Rende partita valida per la IV fase dei play off: in caso di parità al termine dei 90′ saranno i rigori a decidere le squadre qualificate per la fase successiva. Ma vincere oggi, vista la crisi che attanaglia diversi club e il recente scandalo del calcioscommesse, potrebbe significare un piede e mezzo già nella prossima Lega Pro.

Non sarà facile per la squadra di Trocini, e non solo per i favori del pronostico che sono tutti dalla parte del Taranto: arriva a questa sfida non al meglio. Il capitano Adriano Fiore ha recuperato e dovrebbe essere della partita sin dal primo minuto, l’escluso rispetto alla sfida di domenica scorsa con l’Agropoli è Piromallo. E per il gioco degli under (un ’96, due ’95 e un ’94), tocca a uno tra Azzinnaro (’96) e Grisolia (’95) due giovani con caratteristiche diverse. Ed è proprio il discorso sugli under che penalizza pesantemente il Rende costretto a giocare senza uno dei calciatori più importanti, l’attaccante Simone Caruso, classe ’95, della cui assenza se ne sono accorti soltanto adesso che non sta giocando. E non solo per i 10 gol segnati ma per il peso capace di garantire alla prima linea. Assenza pesantissima.

Dunque, un solo dubbio per l’undici da mandare in campo: Azzinnaro o Grisolia? Dalle situazioni provate negli ultimi allenamenti sembra favorito il primo, il quale dovrebbe giocare al fianco di Simeri in un 4-4-1-1 con Gigliotti e Zangaro sugli esterni, mentre in mezzo al campo spazio a Benincasa e Fiore. Comunque una formazione che in fase offensiva potrà contare su quattro calciatori, perché Gigliotti e soprattutto Zangaro hanno le qualità per fare male e diventare decisivi. Davanti a De Brasi (’95) la collaudata linea difensiva a quattro con, da destra verso sinistra, Ruffo (’96), Musca, Ginobili e Crispino (’94).

Fischio d’inizio alle ore 16, arbitro Vittorio Di Gioa di Nola.