Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Play off Serie D: Un Rende tutto cuore fa 0-0 con l’Agropoli, adesso la sfida con il Taranto

Play off Serie D: Un Rende tutto cuore fa 0-0 con l’Agropoli, adesso la sfida con il Taranto

di Valter Leone – Cuore Rende. Un grande cuore. Soffre e non poco ma alla fine di 120 lunghi e interminabili minuti ferma l’Agropoli sullo 0-0 e vince la finale play off del Girone I. Adesso la sfida con il Taranto, in uno Jacovone che si annuncia sin da ora caldo e gremito. Gioca meglio la squadra di Rigoli, crea diverse occasioni da gol se ne divora un paio e nell’ultimo istante del recupero chiede un rigore per un presunto fallo su Ragosta che non c’è, come spiega lo stesso ex arbitro Rodomonti, oggi al Lorenzon in veste di osservatore (Gualtieri di Asti dovrebbe essere tra i promossi in Lega Pro. Il Rende, da parte sua, fa il massimo con uans quadra zeppa di infortunati e alcuni in campo nonostante non fossero al meglio, tipo Ginobili.

Come avevamo anticipato nel Rende non gioca Fiore e Trocini sposta Gigliotti sulla mediana e inserisce Grisolia nel tridente offensivo. Il primo acuto è di Simeri al 7′ con pallone deviato in angolo. Poi Gigliotti è in ritardo su un calcio di punizione di Musca (15′), la risposta dell’Agropoli una bella giocata Alfano-Ragosta con Musca che salva in angolo. Dopo un contropiede che Simeri poteva sfruttare meglio, lo stesso attaccante alla mezzora chiama Maiellaro alla deviazione in angolo su calcio di punizione dalla distanza. Sul capovolgimento di fronte è De Brasi a opporsi a Canotto il quale al 38′, dopo un rimpallo fortunoso, si divora il vantaggio con un diagonale largo. Il primo tempo si chiude con un tunnel di Grisolia e un cross per Simeri ben letto dal portiere dell’Agropoli che in uscita fa suo il pallone.

Un palo pieno colpito da Alfano apre il secondo tempo dopo appena venti secondi di gioco, dormita della difesa del Rende rimasta evidentemente ancora nello spogliatoio con Ginobili che regala a Ragosta un pallone poi deviato in angolo. Agropoli più determinato: in tiro cross di Russo viene alzato oltre la traversa da De Brasi e sugli sviluppi del calcio d’angolo colpo di testa di Viscardi bloccato dal portiere biancorosso sulla linea. Siamo al 6′ e fino al 17′ non succede nulla, se non una fiammata, involontaria a dir la verità, dell’Agropoli con Ragosta. Lo stesso attaccante si ripete al 21′ ma De Brasi si prende una vagonata di applausi e devia una conclusione potentissima. Soffre maledettamente il Rende. Nel finale, però, sfiora il gol: Azzinnarri serve Gigliotti che si avvia verso l’area ma Panini lo anticipa con un retropassaggio bloccato da Maiellaro; punizione in area con la sventola di Simeri deviata e Gigliotti tutto solo non riesce a spingere il pallone in gol. Per la squadra di Rigoli sarebbe stata una beffa. Si va ai supplementari.

Il Rende difende lo 0-0 e lotta con i crampi: già Grisolia era uscito durante i tempi regolamentari, poi è toccato a Gigliotti e infine a Simeri il quale è rimasto fuori dal campo per sei minuti nel terzo tempo supplementare. Soffrono maledettamente i biancorossi ma alla fine portano a casa l’obiettivo: vinta la finale dei play off, e adesso il Taranto allo Jacovone. Ma già questo è un grande successo: si schiudono le porte della Lega Pro.

RENDE 0

AGROPOLI 0

(dopo i tempi supplementari)

RENDE (4-3-3) De Brasi (95); Ruffo (96), Musca, Ginobili, Crispino (94); Gigliotti (dal 17′ p. t. s. Irace 94), Benincasa, Piromallo; Grisolia (95) (dal 34′ s. t., Azzinnaro 96), Simeri, Zangaro (dal 30′ s. t. Marchio). In panchina: Mancino (96), Scarnato, F. Caruso (95), Buccino (94), Benvenuto (96), Fiore. Allenatore: Trocini.

AGROPOLI (4-3-3) Maiellaro (94); Viscardi (96), Cuomo, Panini, Russo (95); Alfano (dal 34′ s. t. Alleruzzo), Esposito (95) (dal 1′ s. t. s. Capozzoli 95), Siano; Canotto (94) (dal 7′ p. t. s. Arena), Berretti, Ragosta. In panchina: Bilancieri (97), Napoli (96), Di Iorio (96), Abate, Davella (97), Scognamiglio. Allenatore: Rigoli.

ARBITRO Gualtieri di Asti

NOTE paganti 334, incasso di 2.796,00 euro; spettatori presenti 600 circa. Ammoniti Zangaro, Cuomo, Alfano, Viscardi, Piromallo, Alleruzzo. Angoli: 9-10 (p. t. 3-3; s. t. 1-5; p. t. s. 0-1; t. t. s. 5-1). Recupero: p. t. 2′; s. t. 3′; p. t. s. 2′; s. t. s. 1′.