Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Il Rende si prepara alla finale play off ma Trocini rischia di perdere Fiore

Il Rende si prepara alla finale play off ma Trocini rischia di perdere Fiore

di Valter Leone – In attesa di conoscere il nome dell’avversario per la finale play off del girone, il Rende prosegue a ritmi serrati la preparazione. Stamattina il gruppo è stato messo sotto dal preparatore atletico Pino Pincente, il quale per domani pomeriggio ha riservato un’altra abbondante razione di lavoro. Poi due giorni di riposo: domenica e lunedì. Si riprenderà martedì per la settimana tipo che porterà alla sfida di domenica 24. Ma una tegola si è abbattuta sulla testa di Trocini: nuovo infortunio per il capitano Adriano Fiore. Stessa gamba, stesso muscolo che lo aveva costretto alla sostituzione nella sfida con la Leonfortese. La ricaduta durante l’amichevole di mercoledì scorso contro la formazione Berretti del Cosenza ad Altomonte. A forte rischio la sua presenza nella finale del girone, anche se c’è chi assicura che si tratta di una contrattura dalla quale il centrocampista potrebbe recuperare in tempo per il match del Lorenzon.

In questi giorni i biancorossi staranno a guardare cosa accadrà sugli altri campi, in attesa di conoscere i prossimi avversi con un occhio al proprio girone e un altro a quello lucano-campano-pugliese. Nel raggruppamento I, quello in cui il Rende ha chiuso al secondo posto alle spalle dell’Agrakas, domenica si gioca Torrecuso-Neapolis con la vincente che mercoledì andrà a fare visita all’Agropoli per la semifinale dalla quale verrà fuori la sfidante della squadra di Trocini. Nel girone H invece si comincerà con Bisceglie-Brindisi, la vincente mercoledì giocherà in casa del Potenza dalla quale verrà fuori la finalista del girone che andrà a sfidare il Taranto allo Jacovone. Domenica 7 giugno le vincenti dei due gironi si sfideranno in casa della squadra che ha totalizzato più punti nella stagione regolare. Il Rende ha raccolto più punti (64) soltanto di Bisceglie (62) e Brindisi (60) mentre Potenza (67) e Taranto (69) ne hanno fatto i più.