Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Roselli: “Serve un Cosenza motivato Il rinnovo? Convinto che chiudiamo”

Roselli: “Serve un Cosenza motivato Il rinnovo? Convinto che chiudiamo”

di Valter Leone – Ultimo atto. O meglio: sfida finale, come l’ha chiamata Giorgio Roselli in conferenza stampa. “Non è la prima volta che capita di giocarsi un obiettivo all’ultima partita di campionato. Stavolta tocca a noi e al Melfi giocarci il nono posto che vale l’accesso alla prossima Tim Cup. L’unico rammarico – sottolinea l’allenatore del Cosenza – che ci arriviamo in una situazione di grave emergenza”. E in effetti la lista degli indisponibili è lunga: di Sperotto e Serpieri si sa da tempo, così come di Ravaglia; a loro si sono aggiunti prima Caccetta (distorsione alla caviglia) poi Blondett e Corsi con la febbre e infine Cori alle prese con noi muscolari, classiche di fine stagione. “Loro – aggiunge Roselli – hanno il vantaggio di giocare in casa, poi sono una buona squadra con tanti giovani ben messi in campo da un allenatore tra i migliori della categoria. Noi ci teniamo tutti a centrare il nono posto, mi auguro che i 14 che scenderanno in campo ci mettano soprattutto voglia di soffrire. In questo periodo della stagione è impossibile chiedere a tutti il cento per cento, non solo dal punta di vista fisico ma anche delle motivazioni. Però, se c’è la predisposizione al sacrificio, si creeranno i presupposti per giocarcela questa partita”. Sacrificio e impegno, un credo al quale Roselli ha sempre dato priorità nelle scelte dell’undici da mandare in campo. “Le valutazioni le faccio in base a chi mi ha dimostrato molto impegno durante la settimana”. Però alcune scelte sono obbligate, per cui in avanti sicuro di giocare è Cesca e poi ballottaggio De Angelis-Calderini con il primo favorito.

Ma Roselli regala anchye una seconda traccia di titolo parlando del futuro. “Sono molto convinto che sul rinnovo si possa chiudere. Il presidente intanto ha definito con Meluso e come da accordi adesso toccherà a me. Si parte con il vantaggio di essere decisamente soddisfatti l’uno dell’altro, c’è grande sintonia con Meluso e Guarascio. È chiaro che la firma potrà arrivare dopo due secondi di colloquio, oppure ci vorranno un paio di giorni: fa parte delle strategie di una trattativa di mercato Ma, ripeto sono molto fiducioso”.