Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Nuoto – Bolignani e Conforto a Cosenza per il collegiale

Nuoto – Bolignani e Conforto a Cosenza per il collegiale

Il Comitato Regionale della FIN, in collaborazione con il SIT, indice e organizza il “Il Collegiale di Nuoto” riservato alla categoria Ragazzi/e. Appuntamento il 23 e 24 maggio 2015 presso la piscina Olimpionica di Cosenza con due grandi maestri ed esperti del nuoto giovanile, Walter Bolognani, direttore tecnico delle nazionali giovanili di nuoto e Alessandro Conforto, preparatore atletico responsabile progetto “Talenti 2020”.

L’incontro è sostenuto dal Presidente del Comitato Regionale Calabria Alfredo Porcaro, sempre sensibile nel portare avanti interventi volti alla crescita del nuoto giovanile e degli allenatori stessi. Nutrito il parco atleti agli ordini dei due importanti tecnici che si alterneranno nella conduzione degli incontri, sia in acqua che a secco. Sono 11 ragazzi e 6 ragazze e rappresentano sette società calabresi selezionati con due criteri indicati e concordati con i tecnici federali, e cioè: aver ottenuto il miglior tempo ai recenti campionati regionali indoor 2015 categoria ragazzi con classifica assoluta per i tre anni maschi e i due anni femmine su tutte le gare in programma o aver partecipato ai recenti campionati italiani giovanili di Riccione, marzo 2015.

Sarà un importante momento di crescita tecnica ed umana che permetterà ai ragazzi sia di confrontarsi con i massimi rappresentanti tecnici della Federazione Italiana Nuoto che di accrescere il bagaglio di esperienze di ogni singolo atleta. Ma non dimentichiamo che il collegiale nasce dall’esigenza di far seguire ai nostri allenatori gli incontri con proposte di lavoro ed esercitazioni mirate, al fine di un confronto diretto con i tecnici federali. L’incontro è aperto, a completamento dei posti, a tutti gli allenatori calabresi che vorranno prendervi parte.

Non vi è dubbio anche della grande opportunità che la Federazione ha messo in essere per visitare la periferia, per monitorare e conoscere il movimento, la qualità dei ragazzi e valutare l’incontro con i tecnici per dare un supporto di tipo tecnico piuttosto che conoscitivo al nuoto calabrese.